Carcere di Piazza Lanza, Fleres: sovraffollamento ai limiti della legalità

Una situazione di sovraffollamento "ai limiti della legalità": nella struttura sono ristrette quasi 600 persone a fronte di soli 170 posti. In una nota, Fleres ricorda che i reclusi stanno attuando "una protesta pacifica"

Dopo lo sciopero della fame annunciato dai detenuti, a denunciare le critiche condizioni all'interno del carcere di Piazza Lanza a Catania è il garante dei diritti dei detenuti in Sicilia, il senatore catanese di Grande Sud, Salvo Fleres.

Una situazione di sovraffollamento "ai limiti della legalità": nella struttura sono ristrette quasi 600 persone a fronte di soli 170 posti. In una nota, Fleres ricorda che i reclusi stanno attuando "una protesta pacifica", visto che nessuna delle recenti decisioni del magistrato di sorveglianza "ha prodotto effetti significativi".

Dopo un ricorso presentato dai detenuti col sostegno del garante, il magistrato aveva disposto la chiusura di una sezione, nelle more della sua ristrutturazione, e la trasmissione degli atti al ministro della Giustizia. Fleres ha informato del caso il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, Nils Muiznieks.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento