Carceri: il segretario Uil Penitenziari Algozzino in visita a Bicocca

Nel corso della visita al carcere catanese di Bicocca, il segretario nazionale della Uil Penitenziari Armando Algozzino ha incontrato il Procuratore di Catania, Giovanni Salvi

Nel corso della visita al carcere catanese di Bicocca, il segretario nazionale della Uil Penitenziari Armando Algozzino ha incontrato il Procuratore di Catania, Giovanni Salvi.

"Da quando è stato aperto questo carcere, circa vent'anni, mai nessun Procuratore della Repubblica era stato in visita all'Istituto. Per questo - dichiara Algozzino - abbiamo espresso tutto il nostro apprezzamento e la nostra condivisione all'iniziativa del Procuratore di Catania".

"Ho avuto modo di rappresentare alcune gravi criticità che abbiamo rilevato, tra le quali le carenze di organico del personale in servizio nell'Istituto e al Nucleo Traduzioni e Piantonamenti Provinciale. Carenze - aggiunge il segretario Uil Penitenziari - che determinano un vulnus grave sulla sicurezza complessiva e per i servizi di piantonamento e traduzioni . Così come ho evidenziato l'inefficienza degli automezzi (blindati e autovetture) in dotazione al Nucleo che aumentano i rischi per il personale".

"Per i vari corsi e per i tanti progetti psicopedagogici che si svolgono in Istituto, Bicocca è, sicuramente, da considerarsi all'avanguardia nel sistema penitenziario della Regione Sicilia, come ha riconosciuto in varie occasioni lo stesso Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria", conclude Algozzino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento