Carte dei servizi, la Cisl etnea chiede l'approvazione del testo per le politiche sociali

"Le 'carte dei servizi' sono strumenti fondamentali – dichiara il sindacato -che puntano a rendere migliore il rapporto tra amministrazioni pubbliche e cittadini e a garantire universalità, trasparenza ed equità"

"Plaudiamo all’iniziativa del Comune di Catania che ha reso disponibile da ieri, martedì 25 luglio, la carta della qualità dei servizi dell’anagrafe, ma resta ancora nel cassetto la carta dei servizi delle politiche sociali che la Cisl chiede da almeno tre anni all’amministrazione, senza avere ancora riscontro". È il commento della Cisl di Catania, con le federazioni dei Pensionati (Fnp Cisl) e della Funzione pubblica (Cisl Fp), alla pubblicazione on line della proposta di carta dei servizi elaborata dalla direzione dei Servizi demografici del Comune di Catania. "Le 'carte dei servizi' sono strumenti fondamentali – dichiarano Maurizio Attanasio, segretario generale della Cisl etnea, Marco Lombardo e Armando Coco, segretari generali di Fnp e Fp Catania - che puntano a rendere migliore il rapporto tra amministrazioni pubbliche e cittadini e a garantire universalità, trasparenza, equità ed efficienza sui servizi erogati dall’ente pubblico".

"Per tale motivo – aggiungono – non comprendiamo perché l’assessorato alle politiche sociali non abbia ritenuto opportuno ancora elaborare una 'carta dei servizi' anche per le politiche sociali e le prestazioni assistenziali di competenza comunale, come dalla Cisl richiesto da oltre tre anni a questa parte". Secondo Attanasio, Lombardo e Coco, le ingenti risorse di cui gode il sistema dei servizi sociali comunali e del welfare locale, con le azioni, tra innovative e rinnovate, disponibili grazie alle misure che vanno dai PAC alla legge 328/2000, dai fondi disposti dalla legge 285/97 ad altri fondi nazionali e comunitari, hanno bisogno di regole trasparenti che mettano il cittadino nelle condizioni di sapere, attraverso appunto una chiara 'carta dei servizi', chi fa cosa, come e dove la fa. Sarebbe un punto di riferimento chiaro tanto per i cittadini fruitori dei servizi, quanto per i lavoratori pubblici e del Terzo settore che operano nel sistema".

Ma c’è di più. "Una carta dei servizi e dei diritti – aggiungono i tre segretari di Cisl, Fnp e Fp catanese – consentirebbe un diverso controllo delle azioni socio-assistenziali prestate con un meccanismo di ritorno a'“feedback', a retroazione. Diventerebbe possibile, cioè, evitare di duplicare e sovrapporre misure e prestazioni, aumenterebbero così le occasioni per estendere i servizi anche a chi fino a quel momento ne era escluso pur avendone diritto. Da ultimo, ma non è cosa da poco, una carta dei servizi efficiente consentirebbe di economizzare i costi di gestione con risparmi da riversare sugli stessi servizi anche migliorandoli".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una buona carta dei servizi permetterebbe dunque di costruire un buon sistema di welfare locale, in grado di rispondere adeguatamente alla domanda di servizi di cura, di assistenza alla persona e socio educativi che sono in continuo aumento a Catania. "Rinnoviamo dunque l’appello all’amministrazione comunale di Catania e all’assessorato alle politiche sociali – concludono Attanasio, Lombardo e Coco – perché non si perda più tempo e attraverso una più ampia e partecipata concertazione renda disponibile ai cittadini, ai lavoratori, agli operatori e alle forze sociali una reale, chiara e trasparente carta dei servizi sociali comunali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Covid-19: la differenza tra test sierologico, tampone rapido e tampone molecolare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento