Cartello supermercato, interviene l'associazione Rom: "Toglietelo"

Chiesta la "rimozione immediata del cartello inneggiante all'odio razziale contro l'etnia Rom" e "altamente lesivo della dignità umana", e "apertura di un'inchiesta all'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali". "Falso che una famiglia Rom guadagnerebbe più di un operaio"

Dopo il cartello affisso da un supermercato di Catania in piazza Cavour, il quale invita i clienti a non fare l'elemosina ai nomadi davanti al negozio, interviene l'associazione nazionale dei Rom chiedendo la "rimozione immediata del cartello inneggiante all'odio razziale contro l'etnia Rom" e "altamente lesivo della dignità umana", e "apertura di un'inchiesta all'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali".

"La povertà nelle quali vivono le famiglie di etnia Rom, Sinti e Caminanti - afferma in una nota l'Associazione - è il frutto di precise e determinate volontà politico istituzionali perseguite dalla classe dirigente che ha governato il paese negli ultimi venti anni. In Italia ci sono 10 milioni di poveri. La minoranza di etnia Rom è tra gli strati più esclusi di tutta la popolazione nazionale. Fare l"elemosina è l'unica forma di 'reddito' di migliaia di persone 'per non morire di fame"

"Il cartello affisso nel supermercato di Catania - sostiene l'Associazione nazionale Rom - è altamente demagogico e populista. Si inviata a non fare elemosina ad una famiglia Rom perchè guadagnerebbe più di un operaio: questo è falso. La Popolazione di etnia Rom chiede da anni al Governo Italiano politiche di inclusione lavorativa: vogliamo lavorare come tutti, vogliamo vivere come tutti. E' il razzismo - conclude la nota - ad impedire la nostra inclusione, sono le scelte politico-economiche del Governo Nazionale, Regionale, Provinciale e Locale ad impedire la nostra inclusione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento