Cartelloni pubblicitari selvaggi, caso anomalo: "Revocate tutte le sanzioni"

Il consigliere comunale PD, Notarbartolo, chiede chiarimenti sui provvedimenti con cui "la giunta avrebbe revocato con valore retroattivo le sanzioni per 1500 cartelloni pubblicitari irregolari, rinunciando così ad entrate per circa 600 mila euro complessivi"

Tiene banco il tema dell'impiantistica pubblicitaria nella città etnea. Ad accendere i riflettori sul problema è stato il consigliere comunale del Partito Democratico Niccolò Notarbartolo, il quale chiede chiarezza sulla vicenda legata alla mancata riscossione delle sanzioni in tema di “cartellonistica selvaggia”. “Il Comune di Catania - spiega Notarbartolo - rinuncia ad incassare entrate pressoché sicure legate alle sanzioni elevate alle ditte titolari dei circa 1500 impianti pubblicitari irregolari, senza ottenere in cambio alcun beneficio significativo”

Con l'interpellanza rivolta alla Giunta Bianco, Notarbartolo infatti ripercorre le fasi della vicenda, partita nel 2013 con i provvedimenti di “riordino” dell'impiantistica pubblicitaria emanati dal Comune. “Con questi provvedimenti – si legge nell'interpellanza dell'esponente del PD al Consiglio comunale – sono state revocate le autorizzazioni rilasciate prima dell’entrata in vigore del nuovo Codice della Strada, del Regolamento comunale per la pubblicità e del Piano generale degli impianti pubblicitari, aventi ad oggetto impianti pubblicitari pericolosamente collocati al di sotto delle distanze minime previste dal Codice della Strada”. Alla revoca delle autorizzazioni, però, non è seguita la rimozione degli impianti da parte delle ditte titolari e “per tali ragioni la Polizia Municipale ha elevato le conseguenti sanzioni pecuniarie di circa 400 euro per ciascun impianto, per un numero complessivo di circa 1.500” spiega Notarbartolo.

“Ciò su cui vorremmo fosse fatta chiarezza sono le misure successivamente adottate dalla Giunta Bianco che con una delibera del 6 maggio scorso, e dopo preventivi incontri con le ditte pubblicitarie del settore, ha approvato un protocollo di intesa per il riordino dell’impiantistica pubblicitaria contenente impegni tanto dettagliati quanto onerosi per il Comune di Catania” commenta Notarbartolo, elencando nel suo atto ispettivo alcuni punti salienti della delibera di Giunta.

Notarbartolo chiede chiarimenti anche in merito ad una successiva delibera di Giunta, del luglio 2014, con cui l'amministrazione ha previsto delle deroghe al Codice della strada e al Regolamento comunale delle affissioni e pubblicità, “disponendo un nuovo regime di distanze, molto meno severo, avente efficacia retroattiva, di fatto costituendo il presupposto per l’annullamento retroattivo in autotutela delle verbalizzazioni già effettuate”.

Provvedimenti su cui il consigliere PD, presidente della Commissione Lavori pubblici, nutre perplessità: “Innanzitutto gli atti di indirizzo e le modifiche ai regolamenti sono state adottate dalla Giunta e non, come per legge, dal Consiglio comunale – spiega Notarbartolo – Ma soprattutto non riusciamo a comprendere la natura della retroattività della modifica del regime delle distanze, che pare disposta al solo fine di determinare i presupposti per l’annullamento in autotutela dei verbali già elevati dai Vigili Urbani”.

“In sostanza, quindi, l’Amministrazione sceglie di rinunciare a ben 600 mila euro circa di entrate pressoché sicure senza che questa ingente perdita sia stata compensata da benefici significativi, visto che alle imprese è stato chiesto di mettere a disposizione 10 tablet e l'erogazione di servizi banali e di valore economico indefinito – prosegue – Inoltre la deroga alle distanze minime degli impianti rappresenta una gravissima violazione, mettendo a repentaglio l'incolumità dei cittadini in vista di un beneficio per pochissimi imprenditori”.

“Vogliamo capire i motivi di quello che appare a tutti gli effetti come un condono – conclude Notarbartolo – quali siano le responsabilità che hanno caratterizzato la gestione del settore soprattutto in riferimento ai danni della mancata riscossione delle sanzioni già elevate e alle ragioni per le quali, eventualmente, non ne sarebbero state comminate altre”. Nell'interpellanza si chiede infine “quali siano le azioni che l'amministrazione intende porre per affrontare il tema di un effettivo riordino dell’impiantistica pubblicitaria nella città, in coerenza con gli strumenti urbanistici vigenti e tenendo conto, oltre che delle regole di leale concorrenza economica tra i diversi soggetti operanti nel settore delle affissioni dirette e dell’impiantistica pubblicitaria, anche dell’interesse pubblico della incolumità dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento