Controlli sulle case di riposo, chiuse 8 strutture irregolari a Catania

"Abbiamo scoperto - spiega l'assessore Villari - persone anziane denutrite, stremate dal caldo e sofferenti per piaghe da decubito provocate dalla permanenza su letti e sedie a rotelle"

Otto strutture abusive per anziani e disabili sono state chiuse nel territorio catanese nell'ambito dei controlli condotti dall'Assessorato al Welfare con polizia municipale e carabinieri del Nas. Ne ha dato notizia l'assessore  Angelo Villari sottolineando come nella prima metà del 2016 il numero dei controlli sia stato intensificato: nel 2015 erano stati 75 e nel primo semestre di quest'anno sono già state visitate 58 strutture, dove erano ospitate complessivamente oltre seicento persone.

"Abbiamo verificato - ha detto Villari - il rispetto delle regole da parte, prevalentemente, di comunità alloggio per anziani e disabili, case di riposo e case protette. E, accogliendo anche le segnalazioni dei cittadini, abbiamo effettuato controlli anche su strutture risultate senza alcuna autorizzazione, realizzate in appartamenti privi di dotazioni specifiche riguardo alla sicurezza e all'igiene. Abbiamo scoperto persone anziane denutrite, stremate dal caldo e sofferenti per piaghe da decubito provocate dalla permanenza su letti e sedie a rotelle. Per questo lancio un appello alla cittadinanza affinché i parenti non lascino i propri familiari anziani nelle mani di gestori improvvisati e senza scrupoli".

Le strutture convenzionate o accreditate del territorio catanese - di tipo residenziale per anziani, inabili, disabili psichici, minori e donne in difficoltà - sono in tutto 54. La sorveglianza del comune si estende poi alle strutture private, un centinaio, iscritte nell'Albo Comunale dopo che l'Assessorato rilascia loro un'autorizzazione. "Per verificare - ha detto Villari - che queste strutture posseggano ancora i requisiti iniziali, abbiamo avviato una revisione completa di quelle autorizzate dal 1989 al 2016 e iscritte sia all'Albo comunale, sia, per le diverse tipologie, a quello regionale". L'assessore Villari ha sottolineato come, soltanto nel 2015, siano state rilasciate 23 nuove autorizzazioni per strutture socio assistenziali per anziani e disabili e che nei primi sei mesi del 2016 se ne sono aggiunte altre 15. Ciò sia perché nella maggioranza delle famiglie, sempre più spesso essenziali o disgregate, non esistono più figure che possano dedicarsi all'assistenza ad anziani o disabili, sia perché l'attività socio assistenziale risulta remunerativa.

"Il problema - ha sottolineato Villari - non è che queste strutture proliferino, ma che vengano rispettate le regole e non accada che qualcuno improvvisi attività con lo scopo di ottenere il massimo vantaggio economico con minima spesa. A questo proposito i controlli da noi effettuati hanno puntato ad accertare che esistesse la giusta proporzione tra numero di ospiti e personale a loro assegnato. Particolare attenzione è stata dedicata al controllo degli standard organizzativi, ai profili professionali, ai titoli di studio degli operatori, ai contratti di lavoro e al pagamento degli oneri previdenziali e assistenziali. I controlli hanno evidenziato che di frequente i lavoratori, ai quali vengono imposti ritmi di lavoro e turni gravosi, sono spesso in nero. Per questo i risultati dei controlli sono stati inviati all'Ufficio del Lavoro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per la valutazione della qualità di queste strutture, il comune ha dato vita a un tavolo, composto da professionisti del settore, che ha lavorato all'elaborazione di un questionario che consente, attraverso indicazioni obiettive, di valutare la qualità dei servizi. Lo scopo della rilevazione non è quello di "dare un voto" alle strutture, bensì di innescare processi di miglioramento. In tempi brevi, il tavolo sarà aperto ai cosiddetti stakeholder, i portatori di interessi, ossia rappresentanti dei titolari e dei responsabili delle strutture per integrare o modificare gli indicatori. Questi ultimi potranno essere inseriti nel nuovo schema di convenzione da proporre in tempi brevi al Consiglio comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento