Casello di San Gregorio, eroina nascosta in una Fiat Punto: maxi sequestro

Trovati all’interno di un’intercapedine realizzata all’interno del tetto della vettura, due panetti, avvolti in nastro adesivo. Due gli arresti effettuati

Sequestrato oltre un chilo di eroina e 27 grammi di cocaina all'uscita del casello di San Gregorio. L'operazione, condotta dai militari del comando provinciale della guardia di finanza di Catania, ha portato all’arresto di un catanese e di un palermitano, Francesco Filippini, 36enne, e Vincenzo Oneto, 54enne, entrambi già gravati da precedenti per stupefacenti.

Le fiamme gialle, secondo la ricostruzione dei fatti, hanno fermato una Fiat Punto di colore nero. A insospettire i finanzieri è stato poi il comportamento inquieto dei due occupanti che, scesi dal mezzo, hanno mostrato immediatamente evidenti segni di nervosismo e insofferenza per l’attività di polizia in corso.

Dopo un'accurata ispezione della vettura sono stati trovati all’interno di un’intercapedine realizzata all’interno del tetto della vettura, due panetti, avvolti in nastro adesivo di colore marrone, contenenti oltre un chilogrammo di eroina nonché un sacchetto di plastica con polvere e cristalli di colore bianco, poi risultati essere circa 30 grammi di cocaina.

All’esito delle analisi,  i due fermati sono stati tratti in arresto e condotti presso la casa circondariale di Piazza Lanza, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. L’eroina e la cocaina sequestrate, verosimilmente destinata al mercato catanese, avrebbero fruttato, al dettaglio, circa 150 mila euro.

oneto-francesco-arresto-2Filippini-Francesco-arresto-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento