rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Cronaca

Caso Mirabella, i dubbi di FdI etnea: "Domiciliari a tre giorni dal voto? Stupisce la tempistica"

"La vicenda ci colpisce profondamente, soprattutto per il provvedimento spropositato degli arresti domiciliari che la colpisce umanamente, professionalmente e politicamente", si legge nella nota del partito etneo a firma di Alberto Cardillo

"La vicenda che coinvolge Barbara Mirabella ci colpisce profondamente, soprattutto per il provvedimento spropositato degli arresti domiciliari che la colpisce umanamente, professionalmente e politicamente". La notizia dell'arresto di Barbara Mirabella, candidata alle regionali con Fratelli d'Italia ed ex assessore alla Cultura al Comune di Catania, ha lasciato sbigottiti in molti.

Così, dopo molte ore dalla notizia e i commenti di tanti avversari e partner politici, arriva anche la nota di FdI a firma del coordinatore provinciale del partito Alberto Cardillo. "Pur continuando a nutrire profondo rispetto nei confronti della giustizia, e speranzosi che le accuse possano venir meno rapidamente, non può non lasciare attoniti la tempistica - è la posizione di FdI etnea - soprattutto in considerazione del fatto che la richiesta di misure cautelari parrebbe essere stata depositata ben tre mesi fa". 

Un dubbio, quello riportato nella nota stampa, che in realtà sta venendo alla mente di molti. "A soli tre giorni dal voto regionale si decidono i domiciliari per una candidata che da sei mesi non ha più alcun incarico amministrativo - continua la nota -, non potrebbe reiterare alcun reato, e che da giorni incontra cittadini e amici, con l’entusiasmo e la passione che la contraddistinguono". A Barbara Mirabella, conclude la nota, "esprimiamo tutta la nostra solidarietà e l’augurio di potere dimostrare la totale estraneità ai fatti contestati e tornare presto al proprio lavoro". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Mirabella, i dubbi di FdI etnea: "Domiciliari a tre giorni dal voto? Stupisce la tempistica"

CataniaToday è in caricamento