Caso Stancanelli - Iene Sicule, Assostampa: solidarietà a Cantarella e Benanti

L'Assostampa, con una nota, esprime la solidarietà a Iene Sicule per il caso che vede protagonista il Sindaco Stancanelli. Oggetto della questione: la trasferta "familiare" a Palermo del Sindaco, con auto blu e autista del Comune

Riportiamo di seguito la nota inviata da Assostampa sul caso Stancanelli-Iene Sicule.

Ci risiamo. A distanza di un mese per il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli la colpa è sempre dei giornalisti. Prima una collega della Rai, adesso il direttore e un redattore del giornale on line www.ienesicule.it, accusati di scrivere “al solo scopo di intossicare la vita pubblica cittadina” e autori “di calunniose interpretazioni di chi agisce al solo scopo di denigrare le istituzioni e le persone che le rappresentano”.

La segreteria provinciale di Catania dell’Associazione siciliana della stampa, sindacato unitario dei giornalisti,  esprime solidarietà ai colleghi Fabio Cantarella e Marco Benanti che esercitano la loro attività con senso critico e, probabilmente, facendo informazione poco gradita a chi ha ruoli di grande responsabilità pubblica. Certo, sarebbe molto più facile per tutti limitarsi a cronache compiacenti, ma così non può e non deve essere. Si respinge, quindi, l’affermazione di un giornalismo volutamente calunnioso. L’ufficio stampa del Comune, piuttosto,  in tempi più celeri, con chiarezza e serenità, avrebbe potuto precisare gli impegni istituzionali del sindaco a Palermo con tanto di auto blu..

Si sottolinea, infine, che anche in questa occasione il sindaco Stancanelli ha ostinatamente  rifiutato un civile confronto con la rappresentanza sindacale dei giornalisti, atteggiamento che non può essere assolutamente condiviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento