Cassazione, l'autoerotismo in pubblico non è reato: assolto un catanese

Un catanese di 69 anni era stato condannato dalla Corte di appello di Catania per essersi masturbato alla cittadella universitaria davanti a delle studentesse. Adesso con gli effetti della depenalizzazione dovrà pagare solo una multa

L'autoerotismo in pubblico non è più reato. A deciderlo è stata la Cassazione che, preso atto della recente riforma e della depenalizzazione di questo reato attuata dal decreto legge numero 8 dell'anno scorso, ha assolto un catanese di 69 anni che aveva l' "abitudine" di masturbarsi alla cittadella universitaria davanti ad alcune studentesse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo, che era stato condannato a tre mesi di reclusione, è invece obbligato soltanto a pagare una multa che ammonta a 3420 euro perché "il fatto non è previsto dalla legge come reato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento