"Castello Ursino liberato": chiesta la rimozione degli stalli in prossimità dell'ingresso

Il consigliere Davide Ruffino, prima circoscrizione, esprime entusiasmo per l'iniziativa e annuncia che "varie associazioni presenteranno una petizione all'amministrazione per la rimozione degli stalli posteggio in corrispondenza dell'ingresso principale del Castello Ursino"

"Lungomareliberato, Salvaciclisti, Gammazita, comitato popolare Antico Corso, comitato Terme dell'Indirizzo, comitato di via Gisira, Città Felice, GammaZeta, Etna'ngeniousa, Fare, One More, comunità di Sant’Egidio, Hackspace e Centro contemporaneo, ma anche singoli cittadini che come volontari si sono messi al lavoro al fine di fare riuscire l’evento, tutti insieme con un’unico obiettivo, quello di riappropriarsi degli spazi urbani, liberandoli, rigenerandoli, rendendoli fruibili e a misura di cittadino". Queste le parole del consigliere Davide Ruffino, prima circoscrizione, il giorno dopo la manifestazione "Castello Ursino Liberato".

"Nell’ambito della manifestazione, svoltasi domenica 3 maggio in piazza Federico di Svevia, l’associazione Gammazita ha richiesto a gran voce l’apertura permanente del “pozzo di Gammazita”, ricadente nel cortile omonimo che fino a qualche tempo addietro era pericolante, ma oggi - continua Ruffino - potrebbe essere restituito ai legittimi proprietari, quindi i catanesi tutti.".

Altre associazioni avanzano invece altre richieste, continua il consigliere. "Lungomareliberato, Movimento #Salvaiciclisti Catania Ass.Gammazeta -Comitato Antico Corso -Centro contemporaneoAss. Fare (Catania)- Ass. Etna Ngeniousa, hanno avviato una raccolta firme e presenteranno una petizione all’amministrazione per la rimozione degli stalli posteggio in corrispondenza dell'ingresso principale Castello Ursino e la chiusura parziale della sede stradale antistante il prospetto laterale della chiesa di S. Sebastiano"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento