A rischio decadenza il sindaco di Castiglione di Sicilia, Bianco: "Intervenga il Governo nazionale"

Già dalle prossime ore potrebbero decadere sindaci e giunte di ben sette comune siciliani. Oltre a Castiglione di Sicilia, anche Casteldaccia, Calatafimi Segesta, San Piero Patti, Valdina, Monforte San Giorgio e Monterosso Almo

Per la mancata approvazione del bilancio, nella provincia etnea, a rischio decadenza è il sindaco di Castiglione di Sicilia Salvatore Barbagallo. Gli altri comuni siciliani nei quali potrebbero decadere sindaci e giunte sono Casteldaccia, Calatafimi Segesta, San Piero Patti, Valdina, Monforte San Giorgio e Monterosso Almo.

Il sindaco di Catania e presidente del Consiglio nazionale dell'Anci, Enzo Bianco, ha però annunciato che l'Associazione dei comuni chiederà di valutare l'impugnativa della norma regionale.

"L'Anci chiederà al governo nazionale di valutare un'impugnativa della legge regionale siciliana sulla decadenza dei sindaci", ha detto Bianco. Ieri a Roma, al consiglio direttivo dell'Associazione, il segretario generale di Anci Sicilia, Mario Emanuele Alvano, ha affermato che già nelle prossime ore vi è il fondato rischio che, con decreto del presidente della Regione siciliana, venga dichiarata la decadenza dei sindaci e delle giunte di sette comuni dell'Isola, come conseguenza di una modifica introdotta con una norma regionale di interpretazione autentica (art. 2 della legge 29, n. 6 del marzo 2017) che ha sancito, con effetto retroattivo, il principio secondo il quale la decadenza del Consiglio comunale determina automaticamente anche la decadenza di sindaco e giunta.

"La vicenda assume particolare gravità - ha detto Bianco - se si considera che la principale causa di decadenza è determinata dalla mancata approvazione dei bilanci nei termini, e che la stragrande maggioranza dei Comuni siciliani ha approvato in ritardo i bilanci 2016 e non ha ancora potuto approvare il previsionale 2017. Anci chiederà di porre questa norma regionale, che sta determinando un gravissimo stravolgimento delle scelte democratiche dei cittadini, all'ordine del giorno della prossima Conferenza Stato-Città, per valutare se non ricorrano le condizioni per un'impugnativa da parte del governo nazionale di una legge che appare già di primo acchito palesemente incostituzionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Il ministro Speranza firma nuova ordinanza: Sicilia ancora "arancione" fino al 3 dicembre

Torna su
CataniaToday è in caricamento