Radio1 Rai, "Le città invisibili" denuncia: "Bambini usati per combattimenti"

Il presidente della Fondazione, Alfia Milazzo, è intervenuta nel corso della puntata del programma "Restate Scomodi" in onda su Radio 1 Rai e dedicata all' orchestra "Falcone e Borsellino" che raccoglie bambini di San Cristoforo. "Incontri di boxe tra minori nei quartieri degradati" ha aggiunto

"Combattimenti tra bambini nei quartieri periferici della città". E' la denuncia del presidente della Fondazione "La città invisibile", Alfia Milazzo, lanciata nel corso della puntata del programma "Restate Scomodi" in onda su Radio 1 Rai e dedicata all' orchestra "Falcone e Borsellino" che raccoglie bambini di San Cristoforo.

"A volte può capitare di assistere a degli episodi. Si sa che ci sono combattimenti tra bambini, - dichiara Milazzo nel corso della puntata - un fatto che non avviene solo a Catania, ma anche a Palermo, a Napoli, perchè l'istigazione alla violenza viene fuori così, con incontri di boxe tra minori di 12-13 anni nei quartieri degradati delle città. Questa cosa è stata denunciata alle forze dell'ordine. Il nostro ruolo è sociale e non ci tiriamo indietro nell'aiutare chiunque però queste cose si vedono"

"Il vero motivo - ha aggiunto il Presidente della fondazione - è indurre questi ragazzi ad una educazione basata sulla violenza. Non ci sono motivi economici ma è un motivo banale di educazione alla violenza. I grandi istigano alla violenza per educarli ad un sistema di valori basato sulla violenza. E' un principio educativo che anche don Pino Puglisi aveva denunciato questo della violenza nei quartieri degradati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Noi educhiamo alla fratellanza perchè ci rendiamo conto che è il motore di una cultura opposta alla violenza. Non è vero che questi bambini sono irredimibili. Hanno una forza morale che si può sviluppare e quando scoprono la fratellanza si sviluppa il loro un motore gioioso di adesione a valori". "Noi proponiamo oltre che la musica - ha concluso- i modelli di Falcone e Borsellino, persone concrete, non chiacchIere sulla legalità ma regole associate ad esempi che sono modelli. Credo che si debbano proporre loro modelli di adesione ad istituzioni giustizia e verità e che si debbano educare a alla fratellanza, all'amore reciproco, ad una condivisione specifica antiviolenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento