menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Catania-Lecce: fermato ultras che accendeva fumogeni durante la partita

Alcuni particolari dell'abbigliamento indossato in diversi momenti dell'incontro di calcio ed anche l'esame dei dati forniti dai tornelli, nonostante l'ulteriore tentativo del tifoso di nascondersi, hanno permesso di individuare l'ultras

Nel corso dell'l’incontro di calcio Catania-Lecce disputato in data 11 aprile, nelle curve occupate abitualmente dai gruppi ultras sono stati accesi alcuni fumogeni ed esplosi alcuni petardi. In particolare l’attenzione degli agenti è stata posta su un soggetto che accendeva un fumogeno sugli spalti agitandolo pericolosamente tra gli spettatori durante la sua accensione.

Dall’ attento e ripetuto esame delle immagini girate ed acquisite dagli operatori della Polizia Scientifica e dalle telecamere a circuito chiuso poste all’interno dello stadio Angelo Massimino, personale appartenente alla Squadra tifoserie della Digos ha individuato l’ultras responsabile dell’accensione. E' stata necessaria una particolare attività investigativa e soprattutto una visione meticolosa attenta e ripetuta delle immagini estrapolate dalle diverse telecamere in quanto l’autore dell’accensione era quasi sempre palesemente travisato da cappuccio e sciarpa in modo da lasciare scoperti solo gli occhi.

Alcuni particolari dell’abbigliamento indossato in diversi momenti dell’incontro di calcio ed anche l’esame dei dati forniti dai tornelli, nonostante l’ulteriore tentativo del tifoso di nascondersi e travisarsi per evitare di essere ripreso, unitamente alla attività investigativa svolta dagli stessi hanno consentito di identificare l’autore del gesto.

Lo stesso, come dimostrano le riprese video-fotografiche, ha acceso due fumogeni oltre ad aver esploso un grosso petardo, che aveva provocato una forte deflagrazione. Si tratta di un giovane ultras minore ma con precedenti per rapina, che è stato denunciato alla Autorità Giudiziaria per violazione dell‘art. 6 bis della legge 401/1989 successivamente modificata dalla c.d. normativa antiviolenza negli stadi che, tra i vari comportamenti ritenuti pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica, punisce anche chi utilizza o lancia fumogeni o petardi all’interno degli stadi, proprio per il pericolo che tali accensione possano costituire per tutti gli spettatori.

Inoltre lo stesso è stato denunciato anche per la violazione dell’art. 5 legge 22.5.1975 nr.152 che vieta di partecipare a qualsiasi manifestazione sportiva travisati. Allo stesso è stata anche contestata la violazione del “regolamento d’uso” per aver introdotto e utilizzato all’interno dell’impianto sportivo fumogeni e petardi. Nei confronti del predetto è stato avviato il procedimento per l’applicazione del Daspo, il divieto di accedere alle competizioni sportive.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

social

Covid-19 e meteo: come le temperature agiscono sul virus

Sicurezza

Bonus antifurto 2021: i requisiti per richiederlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento