“Catania più sicura”, le misure di ordine e sicurezza pubblica per l'estate 2020

Nel corso della riunione il Prefetto ha comunicato al sindaco di Catania che il Ministero dell’Interno con provvedimento del 27 maggio scorso ha concesso un finanziamento di 833.224,00 euro per il potenziamento delle iniziative in materia di sicurezza urbana

foto archivio

In vista dell’approssimarsi della stagione estiva specifiche direttive per le attività di vigilanza e controllo del territorio sono state emanate dal Prefetto in sede di comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica svoltosi presso il Palazzo del Governo. Alla riunione hanno partecipato il sindaco di Catani, accompagnato dal comandante della polizia locale e di quella metropolitana, il questore, i comandanti provinciali dei carabinieri e della guardia di finanza, i dirigenti del compartimento e della sezione della polizia stradale, il comandante della capitaneria di Porto, il comandante del 62° Reggimento Fanteria “Sicilia”, il dirigente dell’Ispettorato ripartimentale delle Foreste.

Ad un anno dall’avvio (giugno 2019) del Piano strategico di vigilanza e controllo del territorio denominato “Catania più sicura” sono stati aggiornati gli obiettivi e previsti servizi, anche interforze, da attuare nella stagione estiva per garantire la sicurezza dei cittadini. Nell’ambito del Piano “Catania più sicura” nel periodo giugno 2019/giugno 2020, in aggiunta agli ordinari servizi svolti nell’ambito della normale attività di controllo del territorio e delle “attività mirate” di polizia giudiziaria svolte autonomamente dalle singole Forze di Polizia, sono stati effettuati oltre 812 servizi interforze straordinari con un impiego di 5240 unità. E ciò sulla base della pianificazione strategica prefettizia e all’esito di tavoli tecnici in Questura e di specifica ordinanza del Questore.

"E’ da precisare che a tale significativo, straordinario impegno, testimonianza di un importante incremento dei servizi, occorre aggiungere l’incessante attività svolta durante i mesi di lockdown per garantire l’esecuzione delle prescrizioni del Governo volte al contenimento del contagio da Covid-19", si legge nella nota della Prefettura.

La "mappatura" dei controlli effettuati

Nell’ambito della pianificazione strategica la città è stata suddivisa in 28 aree “sensibili” e 6 “di interesse operativo” caratterizzate da diversi indici di “sensibilità” a seconda della diffusione di comportamenti illegali e di reati (ad esempio, reati predatori, prostituzione, varie forme di abusivismo e illegalità, spaccio di stupefacenti, furti di auto e così via). In tale “mappatura” la “sensibilità” della zona da controllare è determinata dalla presenza di fenomeni criminali e da condotte illegali ma anche da fenomeni di degrado dell’ambiente urbano e di precarietà, che potrebbero favorire l’insediamento o il radicamento di attività illecite o illegali, e dalla particolare frequentazione di cittadini e turisti (ad esempio aree interessate dalla“movida”) o dalla presenza di Scuole, Istituzioni, edifici pubblici. Non è mancato anche un rinnovato “irraggiamento” del controllo del territorio nei quartieri periferici (fra gli altri Librino, San Cristoforo, Zia Lisa - Tondicello della Plaja, Picanello, Fossa Creta e Pigno, S. Giovanni Galermo, Nesima, Monte Po). In tali aree sono stati sensibilmente implementati i controlli, come testimoniato anche dalla cronaca, da parte delle Forze dell’Ordine con il supporto dei militari dell’operazione “Strade Sicure” e della Polizia locale al fine di garantire un’alta visibilità della presenza dello Stato.

Linee strategiche dei controlli per l'estate 2020

Incremento degli accertamenti e delle verifiche sull’osservanza delle disposizioni sul distanziamento personale, sul divieto di assembramenti e sulle altre misure di contenimento del contagio da COVID-19. E ciò con particolare riguardo ai tradizionali luoghi di aggregazione e della “movida” sia nel Capoluogo (tra gli altri, Piazza Teatro Massimo e vie limitrofe, il Porto, le zone del Castello Ursino, il lungomare, piazza Nettuno, piazza Mancini Battaglia, S.Giovanni Li Cuti, piazza Europa) sia nella riviera ionica con segnata attenzione ad Acicastello (territorio di continuità con il Capoluogo) Acireale, Riposto ed altre aree del litorale. Analoga particolare attenzione verrà prestata ad iniziative e manifestazioni di ogni tipo anche nel territorio degli altri Comuni per il rispetto delle disposizioni anticontagio. Specifiche indicazioni sono state impartite per la attuazione da parte dei vigili urbani del Capoluogo, con la collaborazione delle Forze dell’ordine, di specifici servizi di pattugliamento per incrementare l’osservanza da parte degli esercenti di attività commerciali e di ristorazione delle misure igieniche di distanziamento personale nei bar, nei ritrovi e negli esercizi di ristorazione.

"Potranno, al riguardo, essere disposti servizi di pattuglie “appiedate” con lo specifico mandato di promuovere presso i commercianti l’osservanza delle disposizioni anti-contagio e di effettuare specifici, puntuali controlli soprattutto nei luoghi di maggiore frequentazione (tra gli altri Via Etnea, Piazza Duomo, Corso Italia e zone limitrofe) oltrechè in quelli tradizionali della “movida”.

"Massima proiezione delle Forze dell’Ordine nelle zone del Capoluogo individuate sulla base della “mappatura” già collaudata che contrassegna la “sensibilità” delle diverse zone del territorio urbano. Sono stati, pertanto, previsti e incrementati dinamici servizi di vigilanza e controllo del territorio finalizzati a implementare la sicurezza di Catania, da estendere anche all’intero territorio metropolitano. Nelle aree critiche e sensibili della Città saranno previsti, rafforzati e intensificati servizi di vigilanza e controllo in relazione soprattutto alla prevenzione dei reati di allarme sociale, predatori, contro il patrimonio e le persone e di ogni forma di abusivismo e di illegalità", si legge sempre nella nota. "Particolare attenzione verrà prestata alla prevenzione e repressione di ogni forma di illegalità, con specifico riguardo ai “guardamacchine” e “parcheggiatori” abusivi e all’abusivismo commerciale. Specifiche attività verranno prestate per contrastare il triste fenomeno dello sfruttamento della prostituzione. A tale riguardo, è stato richiesto al Sindaco del Capoluogo di prevedere e avviare, tenendo conto dell’attuale situazione di crisi finanziaria municipale, il potenziamento dell’illuminazione nonché interventi di miglioramento urbano soprattutto nelle zone centrali e limitrofe al Corso Sicilia. In aggiunta, saranno svolti specifici servizi, caratterizzati da visibilità e incisività, effettuati dalla Polizia Stradale e dai Carabinieri soprattutto per garantire la sicurezza della circolazione stradale e l’incolumità degli utenti soprattutto nelle zone di maggiore afflusso di veicoli e aggregazione di persone. Ulteriore attenzione verrà prestata alla sicurezza delle arterie di maggiore traffico e a più alto indice di incidentalità (fra le altre le SS. n° 121, n° 284, n° 417); sono stati pianificati, tra l’altro, controlli contro l’abuso di sostanze alcooliche e l’uso di sostanze stupefacenti e per prevenire le condotte di guida scorrette e pericolose. Al fine di evitare pericolosi trasferimenti “di massa” da una zona all’altra, dai Sindaci di Catania, di Acireale, di Aci Castello e dall’Autorità Portuale è stato coordinato e concordato l’orario di chiusura delle attività di bar e ristorazione . Preminente rilievo assumono al riguardo le attività e i servizi delle Polizie Locali per vigilare sui fenomeni di degrado urbano al cui contrasto occorre imprimere rinnovato impulso. La Guardia di Finanza garantirà la “sicurezza a mare” cui contribuirà la Capitaneria di Porto-Guardia Costiera che darà il proprio apporto operativo anche mediante il controllo delle spiagge, dei litorali soprattutto quelli maggiormente frequentati nei fine settimana ed in particolar modo dell’area portuale di Catania. Altro settore d’interesse operativo è rappresentato dalle zone di produzione agricola. L’attività di vigilanza e controllo in collaborazione con il Corpo Forestale della Regione, delle Polizie locali e metropolitana avrà come obiettivo, difatti, i territori coltivati secondo le produzioni stagionali estive, fino ad arrivare all’autunno, con particolare riguardo a quelli vocati alla produzione di uva e di grano. E ciò anche nell’ambito della vigilanza e della campagna antincendi curata istituzionalmente dal Corpo Forestale della Regione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso della riunione il Prefetto ha comunicato al sindaco di Catania che il Ministero dell’Interno con provvedimento del 27 maggio scorso ha concesso un finanziamento di 833.224,00 euro per il potenziamento delle iniziative in materia di sicurezza urbana. Tali risorse consentiranno al Comune di poter impiegare a tempo determinato per un anno ulteriori 30 addetti alla Polizia locale. L’ iniziativa era stata esaminata e favorevolmente esitata nel corso di una specifica seduta in Prefettura del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica. Nel contesto delle iniziative in corso di realizzazione per dotare il territorio urbano di presidi di videosorveglianza, è stato preso atto che, anche grazie al gruppo di lavoro insediato in Prefettura nei mesi scorsi, sono state riattivate ulteriori 57 telecamere in Città . A queste se ne aggiungeranno, quanto prima, altre 230 in virtù del finanziamento concesso dal Ministero dell’Interno di oltre 800 mila euro cui si aggiungerà un’ulteriore quota di oltre 300 mila euro da parte dell’Ente municipale. Allo stesso Comune di Catania è stata sottoposta l’opportunità dell’emanazione di apposita ordinanza di divieto di vendita e asporto di bevande in vetro o lattina dopo un determinato orario al fine di contribuire a tutelare ulteriormente la sicurezza urbana e il decoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento