menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Catania Rete Gas risponde al consigliere Bonaccorsi (M5S)

Catania Rete Gas con una nota fa chiarezza sugli interrogativi posti dal consigliere comunale pentastellato Bonaccorsi

In merito alle dichiarazioni del consigliere Bonaccorsi (M5s), Catania Rete Gas con una nota, a firma del Presidente Fabio Rallo, precisa che: "In riferimento alla procedura su mobili e arredi, come già segnalato durante l’audizione in commissione consiliare, si tratta di un avviso preselettivo preliminare per la fornitura di mobili e arredi per un importo complessivo presunto di € 60.000,00 per individuare tramite sorteggio le ditte da invitare alla procedura di gara per la stipula di un accordo quadro (Art. 54 del Codice degli appalti) per la copertura dei fabbisogni pluriennali non programmabili. Tale procedura evita di effettuare acquisti a singhiozzo o addirittura “frazionati".

"La sottoscrizione dell’accordo quadro, come prescritto dalla norma, non vincola Catania Rete Gas SpA nei confronti del fornitore aggiudicatario ma consente - precisa la società - sulla base delle necessità non sempre prevedibili di procedere celermente attraverso un ordine diretto. La scelta di una procedura più articolata ha solo l’obiettivo di fornire assoluta trasparenza nella scelta del fornitore, sebbene attualmente il codice degli appalti consente, per le forniture di importo inferiore a 75 mila euro di procedere con affidamenti diretti senza necessità di gara. Durante la medesima audizione è stata precisata anche la necessità di acquistare il mobilio, sostituire alcune dotazioni d’ufficio ormai usurate dall’ultraventennale utilizzo e mettere nelle condizioni i lavoratori di svolgere la propria attività quotidiana in un ambiente pulito e ordinato, gli stessi lavoratori che ogni anno contribuiscono al raggiungimento di importanti obiettivi di bilancio, risultati condivisi con le casse del Comune di Catania che negli ultimi anni ha incassato da Catania Rete Gas oltre 3 milioni di euro l’anno tra dividendi e contributo sulla rete di distribuzione. In merito al costo delle polizze per le coperture assicurative si tratta di polizze obbligatorie previste dai CCNL di categoria ed altre obbligatorie per legge".

"L’unica polizza, non obbligatoria per legge ,riguarda tutti i danni relativi al patrimonio immobiliare e mobiliare dell’Azienda, compreso l’incendio. Tale polizza è sempre stata ritenuta necessaria e più che opportuna e copre tutti i rischi relativi soprattutto alla rete di distribuzione del gas (la cui consistenza è di oltre 450 Km per tutta la città di Catania) e tutela l’Azienda in considerazione della delicata e pericolosa, per sua natura, attività svolta. Per quanto riguarda l’atto di interpello interno, oltre che essere previsto dalle norme vigenti e dal regolamento aziendale, occorre precisare che l’azienda dispone al proprio interno di personale in possesso dei requisiti previsti e delle qualità necessarie alla copertura del ruolo. Infine, in merito all’acquisto delle agende si precisa che si tratta di un costo irrisorio per l’acquisto di gadget integralmente deducibile dal reddito d’impresa di cui l’azienda ha fatto omaggio ai propri dipendenti nel periodo natalizio", conclude l nota.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bustine di gel di silice - Ecco a cosa servono

Alimentazione

Intolleranza ai lieviti - Cause, sintomi e dieta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento