Cattedrale, le condizioni degli occupanti: casa di proprietà e lavoro a tempo indeterminato

Continua la "chiusura" che per l'amministrazione di Catania è "inspiegabile e ingiustificabile" delle circa 30 persone 'senza tetto' che hanno iniziato a vivere dalla fine dello scorso novembre nella Cattedrale di Catania

Continua la "chiusura" che per l'amministrazione di Catania è "inspiegabile e ingiustificabile" delle circa 30 persone 'senza tetto' che hanno iniziato a vivere dalla fine dello scorso novembre nella Cattedrale di Catania, che nei prossimi giorni sarà al centro dei festeggiamenti per la Patrona della città, Sant'Agata.

Secondo quanto riferito dall'assessore al Welfare, Fortunato Parisi, all'incontro di oggi su una possibile soluzione una portavoce del gruppo avrebbe posto come condizioni: casa di proprietà e un posto di lavoro a tempo indeterminato, altrimenti la protesta continuerà. E subito dopo i manifestanti sono tornati in Cattedrale.

"Le posizioni degli occupanti della Cattedrale - ha spiegato Parisi - sono molto diverse tra loro. Ci sono casi anche molto gravi di bisognosi che i nostri Uffici stanno seguendo con particolare attenzione e ribadiamo che il Comune è disponibile a trovare per loro una soluzione di emergenza. Il sindaco ha disposto che si proceda, come previsto dalla legge, con procedura d'urgenza dando la possibilità, per esempio, di essere ospitati in B&b".

"Poi - ha aggiunto l'assessore - ci sono persone che, non certo in stato di povertà, nei giorni scorsi sono andati a manifestare a Roma e quando sono a Catania si confondono con i senza tetto della Cattedrale. Infine, nessuno degli occupanti ha presentato domanda per il Rei o per i Tirocini formativi. Soltanto due si sono recati negli Uffici per chiedere informazioni sui tirocini, ma avrebbero desistito considerando la somma di 400 euro mensili troppo bassa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Speravamo - ha concluso Parisi - che avesse prevalso il buon senso, ma evidentemente l'ala più dura dei manifestanti ha imposto la propria linea a tutti. Noi, ovviamente, consideriamo inaccettabile la volontà di obbligare le Istituzioni a trasgredire le regole. La portavoce del gruppo ha invocato anche oggi una procedura che sarebbe stata seguita nel 2005 con criteri discrezionali sui quali è stato deciso di aprire un'indagine interna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento