Cosa Nostra, preso il superlatitante Andrea Nizza: si nascondeva a Viagrande

Ricercato dal 2014, il 30enne considerato il capo della cosca mafiosa catanese, era stato condannato nell'ambito dell'inchiesta "Fiori Bianchi", ma aveva fatto perdere le proprie tracce. Era considerato uno dei latitanti più pericolosi d'Italia

E' stato catturato dai carabinieri del nucleo operativo in una casa a Viagrande, Andrea Nizza, 30enne a capo della famiglia mafiosa Santapaola-Ercolano. Il giovane era irreperibile dal 2014, dal momento in cui era stato condannato a oltre 6 anni di reclusione all'interno dell'inchiesta Fiori Bianchi ed era stato inserito nell'elenco dei latitanti più pericolosi d'Italia.

. Accusato di associazione mafiosa, si ritiene che Nizza facesse parte di un gruppo che operava a livello criminale tra Catania, Albania e Grecia compiendo reati transnazionali.

Sono tante le condanne inflitte al latitante più ricercato della Sicilia orientale che avrebbe più di cinquant'anni di reclusione da scontare, tra omicidio, estorsioni, traffico di droga e lesioni.Dopo lunghe ricerche i militari sono riusciti a catturarlo probabilmente grazie al fratello Fabrizio, che è attualmente un collaboratore di giustizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento