Si nascondeva dentro una spelonca nella “Timpa” di Acireale: catturato un ricercato

Il 17 novembre scorso era stato condannato dai giudici della Corte di Appello etnea ad 8 anni di reclusione per violenza sessuale aggravata e maltrattamenti in famiglia, reati commessi tra il 2014 e il 2016 in danno della ex moglie

Dal 17 novembre scorso, aveva fatto perdere le sue tracce. Era stato condannato dai giudici della Corte di Appello etnea ad 8 anni di reclusione per violenza sessuale aggravata e maltrattamenti in famiglia, reati commessi tra il 2014 e il 2016 in danno della ex moglie (indagini eseguite dai carabinieri e coordinate dal pool di magistrati qualificati sulla violenza di genere della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania). Proprio dal 17 novembre, giorno dell’emissione del provvedimento di carcerazione, V.R. di anni 50 si era reso irreperibile.

L'intervento dei carabinieri | Video 

Gli investigatori dell’Arma, attraverso una incessante attività info-investigativa, ieri sera sono riusciti a scovare il luogo dove l'uomo si era nascosto per evitare la cattura. Il ricercato, sapendo di essere braccato, aveva trovato rifugio in una casetta in pietra abbandonata coperta dalla fitta vegetazione della “Timpa”, zona a dirupo sul mare tra il comune di Acireale e la frazione di Santa Maria La Scala, raggiungibile solo dopo aver percorso dei sentieri tortuosi ed aiutandosi, nel tratto finale, tramite una corda fissata ad un albero dove l’individuo si aggrappava per raggiungere più agevolmente il nascondiglio e non rischiare di precipitare giù.

I carabinieri, individuato il covo, si sono nascosti tra la vegetazione attendendo con pazienza che il ricercato rientrasse nel rifugio (sembra fosse stato a far visita alla madre) per poi intervenire. Vedendosi accerchiato dai militari, l’uomo ha cercato disperatamente di fuggire lanciandosi tra i rovi del costone roccioso, ma inseguito è stato bloccato ed ammanettato. L’arrestato, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento