Cava abusiva di basalto lavico, sequestro dei carabinieri del Noe

Il titolare dell’azienda è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Catania per la conduzione non autorizzata di cava su territorio sottoposto a vincolo paesaggistico

Continuano, in Sicilia, a ritmo serrato, le attività di controllo predisposte dai carabinieri del comando per la Tutela Ambientale nel settore dello sfruttamento delle risorse minerarie e delle cave in genere. I carabinieri del Noe di Catania, con l'aiuto del 12° nucleo elicotteri carabinieri di Catania hanno condotto una nuova attività ispettiva presso un'area di cava in località Mattielli di Belpasso. I militari del Noe hanno accertato che su un'area di circa 20.000 mq., sottoposta alla speciale tutela del vincolo paesaggistico, continuavano ad essere condotte delle attività finalizzate all’estrazione di enormi blocchi di materiale lavico destinati alla commercializzazione per il successivo taglio e lavorazione in assenza di qualsivoglia titolo autorizzativo. L'intervento dei carabinieri, pianificato nei minimi particolari, ha permesso di sorprendere quattro persone impegnate nelle operazioni delle estrazioni abusive di basalto lavico mediante l’impiego di due escavatori, un mezzo speciale di cava munito di “forconi” per il caricamento dei blocchi lavici ed un autoarticolato predisposto per il trasporto degli stessi.

foto Belpasso (CT)-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il proprietario, intento a coordinare le operazioni, non era in grado di mostrare alcuna autorizzazione valida, motivo per il quale l'intera superficie e tutti i mezzi trovati ad operare sul posto sono stati posti sotto sequestro, successivamente convalidato dall’Ufficio del Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Catania. Il titolare dell’azienda è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Catania per la conduzione non autorizzata di cava su territorio sottoposto a vincolo paesaggistico. Allo stesso sono state contestate anche ulteriori violazioni penali relative all’omessa denuncia dell’inizio dei lavori di cava alle competenti autorità e alla mancata nomina del direttore dei lavori e sulla sicurezza sui luoghi di lavoro prevista per le attività del settore estrattivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento