Chiedono il "cavallo di ritorno", ma i falchi li arrestano a Picanello

Stavano per riconsegnare un'auto al legittimo proprietario, che aveva pagato il "cavallo di ritorno"

La Polizia di Stato ha arrestato i pregiudicati Filippo Castorina e Jhonny Strano per estorsione aggravata tramite il metodo del “cavallo di ritorno” e di ricettazione. Nella tarda mattinata dello scorso 17 luglio, i due sono stati rintracciati a Picanello dai "Falchi" della polizia, che li hanno visti parcheggiare un'auto in via Borgetti, per poi allontanarsi in fretta ed in modo sospetto.

L'auto è risultata rubata e si è accertato che i due dovevano procedere alla riconsegna al legittimo proprietario, al quale era stata avanzata una richiesta di denaro per ottenerne la restituzione. Messi di fronte all’evidenza dei fatti, i due responsabili hanno ammesso le proprie responsabilità, consentendo agli agenti di recuperare il veicolo e parte della somma pagata dalla vittima per riavere il mezzo. Si trovano ora a Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Librino, in 40 aggrediscono due agenti che tentavano di fermare una moto senza targa

  • Tentato omicidio a Palagonia, coltellate e spari dopo una lite: un ferito

  • Rientra e trova armi e oltre 6 chili di hashish nel suo deposito

  • "Gli italiani scelgono Catania per il Natale 2019 e il Capodanno 2020"

  • Agenti aggrediti a Librino, arrestato un diciottenne

  • Sequestro di beni all'ex reggente degli Ercolano: nel mirino anche il garage di via Cimarosa

Torna su
CataniaToday è in caricamento