Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Cenere dell'Etna, ingenti danni per l'agricoltura: sale la conta dei danni

La Coldiretti chiede norme ad hoc mentre la deputata Simona Suriano ha presentato una interpellanza al ministro per le politiche agricole

Oltre a danneggiare enti locali, cittadini e trasporti la cenere vulcanica sta creando grosse difficoltà all'agricoltura. A soffrire sono sia il florovivaismo, con il danneggiamento delle piante che rimangono invendute, sia le altre colture colpite dai lapilli. La Coldiretti ha lanciato l'allarme: "Sale il bilancio dei danni e dei disagi alla popolazione e alle imprese con la nuova emissione di cenere e lapilli che porta a 6 mesi l'attività di eruzione dell'Etna".

Nelle campagne ai danni della cenere caduta sulle colture - sottolinea l'associazione di categoria - si aggiungono i nuovi disagi per chi è costretto alla pulizia straordinaria delle canalette di scolo o alla pulizia delle strade rurali, in molte zone dove la terra è stata sommersa da una coltre nera. Siamo di fronte a dei cambiamenti anche del vulcano - prosegue Coldiretti - e, quindi, bisogna avviare anche un nuovo sistema di interventi che salvaguardi gli imprenditori agricoli con norme celeri e ad hoc. Per questo è ormai indispensabile l'istituzione di una vera 'comunità etnea' che preveda norme mirate per chi è costretto a subire ormai periodicamente i danni della cenere".

Su questo versante la deputata del gruppo Misto Simona Suriano, con i colleghi Siragusa, Sarli, Sapia, Costanzo ed Ehm, ha presentato una interpellanza che è stata calendarizzata per il prossimo 6 agosto sull’emergenza Etna.

"Danni ingenti - ha spiegato Suriano - sono stati registrati dal comparto agricolo: i lapilli hanno letteralmente coperto interi appezzamenti danneggiando pesantemente il florovivaismo, l'ortofrutta e l'orticoltura. L’Etna quindi non rappresenta più un’emergenza straordinaria ma qualcosa di ordinario che va affrontato con un piano strutturato di interventi. Un piano che preveda nel caso di eruzioni e danni da cenere l’immediata sospensione di versamenti Inps, dei mutui agrari e cambiali per almeno un anno".

"Per l’erogazione di sostegni e contributi è necessario - ha continuato - che si acceleri la conta dei danni in modo tale da poterne avere una stima complessiva. Dai primi calcoli si parla di cifre superano i 25 milioni di euro e per questo motivo occorre che il ministro delle politiche agricole valuti sostegni e indennizzi in favore delle imprese del comparto agricolo nei comuni maggiormente colpiti e inoltre se sussistano le condizioni per dichiarare lo stato di emergenza”. Anche il capogruppo di Italia Viva a Palazzo degli Elefanti Giuseppe Gelsomino ha chiesto al sindaco di farsi portavoce dell'emergenza: "La città si sveglia "nera", e non si può più aspettare. Catania ha bisogno di risposte, pulizia immediata delle strade e nuovi mezzi per fronteggiare l'emergenza cenere. Ogni giorno in tutte le strade vi sono incidenti di scooter e automezzi, la grande preoccupazione è che danno porterà questa terra nei nostri polmoni respirandola ormai quotidiamente. Spero che il sindaco, si attivi immediatamente richiedendo lo stato di emergenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cenere dell'Etna, ingenti danni per l'agricoltura: sale la conta dei danni

CataniaToday è in caricamento