Centro Caritas per donne svantaggiate in bene confiscato alla mafia

Un bene confiscato alla mafia e un appartamento in comodato gratuito diventeranno dormitori per donne e ragazze madri con figli, che vivono in stato d'indigenza. E' il risultato di due progetti della Caritas Diocesana in collaborazione con comune e Policlinico Vittorio Emanuele

Un bene confiscato alla mafia e un appartamento in comodato gratuito diventeranno dormitori per donne e ragazze madri con figli, che vivono in stato d'indigenza. Il locale sottratto alla criminalità, in via Damiano Chiesa n° 2, conta di 3 vani più bagno e cucina. Il Comune di Catania lo ha affidato in comodato d'uso gratuito alla Caritas di Catania, dopo la richiesta avviata all'Agenzia Nazionale per i beni confiscati ed alla Prefettura di Catania.

Un secondo appartamento – non un bene confiscato alla mafia in via Vittorio Emanuele n° 498  è stato dato, invece, in comodato d'uso gratuito da parte dell'Azienda Ospedaliera Vittorio Emanuele e conta di 12 vani, 4 bagni, 2 cucine, un'ampia terrazza e 1 garage.

Gli immobili verranno destinati a donne che versano in situazioni di particolare disagio economico, morale e sociale, con figli a carico, lavoratrici a basso reddito o anche non lavoratrici. La permanenza minima sarà di 3 mesi. L'Help Center si occuperà della valutazione e dell'inserimento delle donne con i relativi figli minori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il bene confiscato alla mafia, la Conferenza Episcopale Italiana, attraverso la Conferenza Episcopale Siciliana, ha approvato il progetto 'Housing First'. Mentre il secondo appartamento rientra nel progetto 'Policlinico' approvato da Caritas Italiana. Tutte le spese ordinarie e straordinarie saranno a carico dei rispettivi progetti, compresi i costi per le utenze domestiche e condominiali. Gli ospiti delle strutture dovranno provvedere solo ai generi alimentari, ma a tal proposito, Caritas Catania ha assicurato un ulteriore aiuto supplementare. I lavori di ristrutturazione, acquisto di elettrodomestici e arredamento sono in fase conclusiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria in viale Grimaldi, coinvolte almeno sei persone: due i morti

  • Cancro al colon-retto, nuova tecnologia per la diagnosi precoce

  • Dopo una festa alla Playa accusa i sintomi del Coronavirus, minorenne positivo in isolamento domiciliare

  • Sparatoria in viale Grimaldi, si scava nel mondo della droga per cercare il movente

  • Coronavirus, Musumeci firma nuova ordinanza: cosa cambia adesso in Sicilia

  • Aeroporto, hostess con febbre: attivata la procedura di biocontenimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento