Centro massaggi cinese abusivo offriva prestazioni sessuali

L’intera struttura è stato posta sotto sequestro come peraltro il cellulare utilizzato per l’esclusivo contatto telefonico con la clientela

I carabinieri di Piazza Dante hanno arrestato una donna cinese di 36 anni, ritenuta responsabile di sfruttamento della prostituzione. L’altra sera, dopo diversi giorni di osservazione, i militari hanno fatto irruzione in un centro massaggi cogliendo sul fatto la donna.

Tramite degli annunci pubblicati su un noto sito internet, utilizzando un numero di telefonia mobile dedicato solo alla particolare clientela, accompagnava all’interno di una stanza i clienti che potevano denudarsi e sdraiarsi sul lettino in attesa della massaggiatrice o delle massaggiatrici.

Le prestazioni prevedevano che due connazionali 30enni, verso la fine del trattamento, “offrissero” su richiesta un servizio di natura sessuale, pagato con un extra rispetto al normale massaggio. Il tariffario prevedeva: 30 euro per il massaggio, 50 euro per l’extra con una sola donna, 100 euro per l’extra con due massaggiatrici.L’attività del centro massaggi era condotta in mancanza totale di autorizzazioni. L’intera struttura è stato posta sotto sequestro come peraltro il cellulare utilizzato per l’esclusivo contatto telefonico con la clientela.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento