Centro storico e lo "scorrazzamento selvaggio" di auto e scooter, la denuncia della Fipet

"Ogni fine settimana si ripete la medesima scena, via Pulvirenti, piazza Ogninella, piazza Scammacca e le vie limitrofe vengono invase da scooter e auto senza nessun controllo". E' la denuncia avanzata dalla Fipet, Federazione italiana pubblici esercizi e turismo

"Ogni fine settimana si ripete la medesima scena, via Pulvirenti, piazza Ogninella, piazza Scammacca e le vie limitrofe vengono invase da scooter e auto senza nessun controllo. I varchi al centro storico presidiati dagli operatori Sostare dalle 20.00 alle ore 0.00 per evitare il transito di veicoli non autorizzati non si sono dimostrati fino ad oggi funzionali sia perché gli operatori terminano il servizio alle ore 0.00 – orario principale di afflusso- sia perché tali soggetti non sono supportati dall’ausilio delle forze dell’ordine". E' la denuncia avanzata dalla Fipet, Federazione italiana pubblici esercizi e turismo.

La scena cui residenti ed esercenti assistono ogni fine settimana è la medesima: bulli su scooter e auto di grossa cilindrata entrano in modo disinvolto nella zona a traffico limitato, parcheggiando dove ritengono più opportuno o improvvisando corse su una ruota con gli scooter  in mezzo alle persone con tutti i rischi relativi alla incolumità e sicurezza degli utenti dei locali e dei residenti della zona.

"La Federazione denuncia, pertanto, con una nota tali episodi da tempo e per evitare il ripetersi di tali atti di inciviltà chiede pubblicamente all’Assessore alla Polizia Municipale Marco Consoli un incontro con operatori del Centro storico e residenti per predisporre un piano di intervento e di contrasto allo 'scorrazzamento selvaggio'.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La civiltà nasce dal rispetto del senso civico e la legalità si afferma anche attraverso piccoli gesti - afferma Roberto Tudisco Presidente Fipet  - abbiamo bisogno di una Zona a traffico limitato senza auto o scooter, dove i catanesi possano passeggiare serenamente senza il timore di venire travolti da uno scooter fuori controllo. Abbiamo bisogno della presenza della Polizia Locale per la repressione di questi fenomeni  ed è per questo motivo che il sindacato insieme ad un gruppo di residenti ha pubblicamente richiesto all’assessore Consoli un appuntamento per la discussione e la soluzione del problema. Basterebbe far applicare le regole e sequestrare i motorini i cui utenti sono tutti senza casco per vedere immediatamente il fenomeno del bullismo cessare tra le vie del centro affermando che nella zona la legalità e lo Stato sono presenti".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento