Centro storico: lavavetri aggrediscono una signora, due arresti

Una signora la cui auto era incolonnata nel traffico, aveva segnalato al 113 la presenza di due “lavavetri” che, nonostante il rifiuto, avevano comunque pulito i vetri dell'auto per poi pretendere insistentemente il compenso

Nel pomeriggio del 28 gennaio scorso, una Volante è stata inviata all’incrocio tra le vie Tomaselli e Androne dove una signora la cui auto era incolonnata nel traffico, aveva segnalato al 113 la presenza di due “lavavetri” i quali, nonostante il rifiuto, avevano comunque “proceduto” per poi pretendere insistentemente il compenso.

Alla reiterazione del rifiuto, i due si erano avvicinati al finestrino abbassato e, con fare minaccioso, le avevano intimato il pagamento, introducendo le braccia all’interno dell’abitacolo della vettura per sottolineare la minaccia.

La signora, impaurita, riusciva ad allontanarsi dall’incrocio approfittando del semaforo verde, ma i predetti colpivano con l’attrezzo lavavetri la parte posteriore dell’auto e, nel contempo, continuavano a minacciarla.

I due, che prima di essere arrestati (ai sensi degli artt. 337, 628 c.p.) hanno opposto resistenza; sono stati identificati, entrambi provenienti dal Bangladesh e clandestini sul suolo nazionale.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento