Cercano di rubare all'interno dell'ente di formazione Eris di via Antonio Merlino, presi

La segnalazione è partita da un poliziotto libero dal servizio che ha allertato la sala operativa segnalando tre persone che si erano introdotte all’interno dell’istituto

Ieri personale dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico – squadra volanti ha arrestato i catanesi Sebastiano Giovanni Desi, Salvatore Drago e Michele Santo Savoca, per il reato di tentato furto aggravato in concorso in danno dell’ente di formazione Eris di via Antonio Merlino.

La segnalazione è partita ieri mattina, da poliziotto libero dal servizio che ha allertato la sala operativa segnalando tre persone che si erano introdotte all’interno dell’istituto. Sul posto sono immediatamente giunte tre volanti, coordinate dal funzionario di turno che ha disposto alcuni operatori all’esterno del perimetro dell’edificio per precludere eventuali vie di fuga.

Un altro equipaggio, dopo aver scavalcato il cancello della struttura, ha fatto accesso nel cortile interno dove ha notato la presenza di tre soggetti che, con grosse cesoie, stavano tagliando dei cavi di rame contenuti all’interno di alcune cabine elettriche in disuso.

Inoltre, erano già pronti per il completo smontaggio alcuni motori industriali utilizzati per il raffreddamento. Alla vista degli agenti si è scatenato il fuggi fuggi: uno è stato bloccato quasi subito, un altro è riuscito a scavalcare la recinzione ma è stato fermato in piazza Maria Ausiliatrice, il terzo – e ultimo – è stato ritrovato nascosto tra alcuni cartoni accatastati all’interno del cortile.

Tutto il materiale trafugato è stato sequestrato in attesa di essere restituito al legittimo proprietario, i tre arrestati sono stati condotti in Questura. Dopo le formalità di rito, gli arrestati su disposizione del P.M. di turno, sono stati sottoposti alla misura degli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento