Chiusa un'officina abusiva grazie a una segnalazione sull'app YouPol

L'uomo esercitava l'attività senza autorizzazioni e percepiva anche l'indennità di disoccupazione

L'applicazione YouPol ha consentito di scoprire un'officina abusiva. Grazie a una segnalazione i poliziotti del commissariato di Adrano - congiuntamente con la polizia locale di Biancavilla - hanno rilevato un'attività illecita di un 52enne che dovrà rispondere di truffa aggravata e gestione non autorizzata di rifiuti pericolosi. L’adranita, bracciante agricolo presso un’azienda, durante il periodo di pausa della sua attività primaria, aveva messo su un’officina nonostante percepisse, l’indennità di disoccupazione. Dopo la segnalazione su YouPol, il personale ha effettuato un sopralluogo, sorprendendo l’uomo intento a riparare un’auto; dal controllo è emerso che il 52enne, oltre a conseguire ingiustamente l’indennità di disoccupazione, non era neanche iscritto nel registro delle imprese e per tale motivo è stato sanzionato.Nel retro dell’officina gli agenti hanno anche trovato materiale di scarto, parti di autovetture e fusti di olii esausti. L’officina è stata sequestrata e chiusa con sigilli apposti su entrambi gli ingressi. Sono stati anche sequestrati tutte le attrezzature e le strumentazioni utilizzate per l’esercizio dell’attività illecita così come è stata sequestrata un’autovettura trovata in riparazione al momento del controllo il cui proprietario è stato sanzionato amministrativamente per essersi avvalso di un’officina non autorizzata per le riparazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

Torna su
CataniaToday è in caricamento