Chiusura pronto soccorso del "Vittorio Emanuele", Bianco: "Stiamo vigilando"

Il commento di Bianco: "Stiamo vigilando sul percorso e non consentiremo che nel centro della città non ci sia un pronto soccorso in grado di rispondere alle esigenze dei cittadini, fornendo una qualità di assistenza all'altezza della situazione"

Dopo l'appello lanciato  dal segretario generale della Ugl di Catania Carmelo Mazzeo e dal coordinatore nazionale del settore docenza e dirigenza della federazione nazionale Ugl università Raffaele Lanteri, in merito alla imminente chiusura del pronto soccorso dell'ospedale Vittorio Emanuele, arriva il commento del sindaco Bianco.

Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha dichiarato che "la crescente attenzione di associazioni e cittadini verso questa vicenda dimostra ancora una volta come ogni decisione su questi temi vada presa di concerto tra le istituzioni". Bianco ha sottolineato come occorra procedere "con una strategia chiara e dopo aver valutato complessivamente ogni dettaglio" e ricordato come sul tema si sia "intervenuti per tempo con la Commissione sanità del Comune, prima attraverso una serie di sopralluoghi nelle strutture d'emergenza della città e poi con un tavolo di confronto con i direttori generali delle aziende ospedaliere interessate".

"Insomma - ha aggiunto Bianco - stiamo vigilando sul percorso e non consentiremo che nel centro della città non ci sia un pronto soccorso in grado di rispondere alle esigenze dei cittadini, fornendo una qualità di assistenza all'altezza della situazione. Al contempo bisogna ridisegnare la logistica dei servizi dedicati all'emergenza-urgenza, puntando fortemente sia sull'apertura dell'ospedale San Marco, sul quale sono già stati fatti ingenti investimenti, sia su quella del nuovo pronto soccorso del Policlinico".

Sulla questione erano intervenuti anche i consiglieri comunali Carmelo Sofia e Francesco Saglimbene.  La chiusura del presidio del 'Vittorio Emanuele' comporterà un’enorme afflusso di utenti verso l’ospedale Garibaldi, nei pressi di piazza Santa Maria di Gesù. Da Gennaio ad oggi il presidio di via Plebiscito ha registrato un aumento dell’utenza del 20 % rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Numeri che devono far riflettere e sottolineano la delicatezza di una questione che va valutata in tutti i suoi aspetti per il bene della città. In quello che tutti conoscono come il 'vecchio Garibaldi', infatti, ci sono circa 75.000 interventi l’anno. Mentre il pronto soccorso del 'Vittorio Emanuele' ne effettua quasi 60.000. Chiudere la struttura di via Plebiscito comporterebbe un aumento di circa 30.000 casi l’anno per l’impianto nei pressi viale Mario Rapisardi che non dispone di locali e personale adeguato per un simile scenario. Si arriverebbe così al collasso in pochi mesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento