menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cia e Confagricoltura: "Al Consorzio di Bonifica 9 situazione disastrosa"

Lo affermano il presidente di Confagricoltura Catania, Giovanni Selvaggi e il vice presidente vicario di Cia Catania Giosuè Catania parlando dei disservizi sui sistemi di irrigazione da parte del Consorzio di Bonifica della piana di Catania 9

“Ogni anno assistiamo alla stessa insopportabile e scadente recita in cui gli imprenditori agricoli devono fare i conti, oramai da oltre quattro lustri, con inefficienze, sprechi e ritardi negli interventi di manutenzione ”, lo affermano il presidente di Confagricoltura Catania, Giovanni Selvaggi e il vice presidente vicario di Cia Catania Giosuè Catania parlando dei disservizi sui sistemi di irrigazione da parte del Consorzio di Bonifica della piana di Catania 9.

“La politica faccia in fretta il suo dovere e non trascuri le difficoltà degli imprenditori e dei lavoratori”, continuano i rappresentati di Cia e Confagricoltura. “Il governo Regionale convochi un incontro urgente, trovi le somme necessarie per garantire la manutenzione dei canali e delle reti di distribuzione, definisca con certezza e acceleri il trasferimento delle risorse per pagare gli arretrati al personale dei Consorzi”, chiedono i dirigenti delle organizzazioni di rappresentanza degli agricoltori.

“Pur comprendendo le difficoltà dei lavoratori, riteniamo indispensabile garantire il servizio di distribuzione dell’acqua, affinché i danni che si stanno già creando alle colture agricole non rappresentino il colpo di grazia per l’economia agricola della Piana di Catania”.

“Sulle diverse questioni aperte l’interlocutore principale non può che essere il governo regionale con il suo assessore all’agricoltura - ribadiscono Giovanni Selvaggi e Giosuè Catania - il quale senza alcun appesantimento finanziario verso gli utenti agricoltori deve mettere mano ad un riordino della bonifica e garantire una volta per tutte la funzionalità dei Consorzi, affrontando l’enorme indebitamento e l’assetto del personale in un’ottica di bacino” “Non è più tollerabile che a rimetterci siano sempre e solo gli imprenditori che si ritrovano ancora una volta con le aziende a secco anche quando, come quest’anno, gli invasi sono colmi d’acqua”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Caso Gregoretti, nuova udienza per Salvini a Catania

  • Cronaca

    Maria Carmela Librizzi è il nuovo prefetto di Catania

  • Cronaca

    Coronavirus, in Sicilia 560 nuovi positivi: a Catania +97

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento