Sigilli ad una sala scommesse abusiva inaugurata con un concerto neomelodico

L'attività era priva delle necessarie autorizzazioni. Gli agenti hanno sequestrato 8 pc e monitor, un hardware che veniva impiegato per l'accettazione delle scommesse illegali

Gli agenti della squadra amministrativa  di Catania, a seguito di notizie stampa su una manifestazione neomelodica non autorizzata svoltasi la sera del 15 scorso nel quartiere Cibali, in via Michele Cantone, nel tardo pomeriggio di ieri, 16 novembre, hanno controllato  un'agenzia di scommesse sita in quella via. Al momento dell'intervento, fra l'altro, i poliziotti hanno colto un cliente proprio durante una scommessa clandestina.

Gli accertamenti svolti hanno consentito di verificare che nel locale veniva esercitata l’attività di raccolta abusiva di scommesse, attraverso computer che consentivano l'accesso on line su piattaforme prive della necessaria concessione dell' amministrazione dei monopoli di Stato. Per questo motivo, sono stati sequestrati otto pc e i relativi monitor, e un hardware che veniva impiegato per l'accettazione delle scommesse illegali. Inoltre, avendo accertato che il gestore il pregiudicato B.G., non disponeva della prevista licenza  gli agenti hanno sottoposto a sequestro penale i locali dell' intera sala scommesse e hanno denunciato il gestore per il reato di esercizio abusivo e organizzazione di pubbliche scommesse.

I poliziotti hanno anche accertato che, in un angolo del locale, era stato allestito un chiosco bar, anch'esso abusivo, per il quale si sta procedendo a termini di legge. Inoltre, sono in corso ulteriori accertamenti relativi alle autorizzazioni per l’esecuzione del concerto neomelodico, tenutosi in occasione dell’inaugurazione della sala scommesse abusiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento