Cibali, Zingale: "Basta con i continui furti e la microcriminalità nel quartiere"

Sono spariti tombini, cavi di rame, pneumatici, ma anche i vestiti del centro raccolta indumenti. Lo denuncia il vice presidente Zingale

Nuova sequenza di furti nel quartiere di Cibali a Catania. Una piaga che da via Sabato Martelli Castaldi arriva fino a piazza Bonadies. Decine sono le segnalazioni che ci pervengono da parte dei cittadini preoccupati che chiedono un aumento dei controlli da parte delle forze dell’ordine. Sono spariti tombini, cavi di rame, pomelli delle porte, pneumatici ed i vestiti custoditi nei centri per la raccolta di indumenti. Una situazione che non fa altro che aggiungere degrado a quello preesistente con la conseguenza che la gente si sente meno sicura e può reagire in modo inaspettato, e molto pericoloso, di fronte a questa nuova sequenza di furti.

"In qualità di vice presidente della IV circoscrizione - afferma Giuseppe Zingale- , insieme al consigliere di quartiere Santo Arena e al presidente municipale Emanuele Giacalone, sottolineo il grande lavoro che quotidianamente svolgono le forze dell’ordine ma, allo stesso tempo, chiede a tutti i soggetti interessati di attivarsi immediatamente per individuare e monitorate le zone maggiormente a rischio furti e rapine. Che si tratti di pomelli dal valore di pochi euro, con la conseguenza che molti non si sognano nemmeno di sporgere denuncia, oppure di pneumatici e caditoie la stanza non cambia: c’è una precisa volontà criminale che provoca disagi a non finire alla gente in termini di vivibilità e sicurezza".

"Molti chiedono la formazione di ronde cittadine, - continua Zingale - altri puntano ad organizzare una petizione per ottenere una presenza costante delle forze dell’ordine. Le transenne ai bordi della strada e gli avvisi per segnalare le buche non possono bastare. Così anche il nostro territorio, come tanti altri rioni di Catania, paga pegno in termini di sicurezza e vivibilità. Che i ladri siano attivi nel nostro territorio è cosa nota a tutti ma questa nuova serie di sparizioni rappresenta l’ennesima mazzata che pesa sulle spalle della collettività".

"Per tutte queste ragioni - conclude il vice presidente della quarta cirocscrizione - a breve convocheranno una conferenza dei servizi per discutere, con tutti i soggetti interessati, le soluzioni e le opportunità da adottare per fare in modo che simili episodi possano verificarsi ancora. Il nostro territorio sta subendo un’ondata di microcriminalità senza precedenti e noi non possiamo restare con le mani in mano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento