Allerta meteo: forti raffiche di vento, città deserta

Questa mattina, Catania si è svegliata con forti raffiche di vento. Come preannunciato ieri, il mini ciclone sta risalendo il Mediterraneo con venti a 90 chilometri orari

Questa mattina, Catania si è svegliata con forti raffiche di vento. Come preannunciato ieri, il mini ciclone sta risalendo il Mediterraneo con venti a 90 chilometri orari.

La città è completamente deserta. Lungo le strade, rami e cartelloni pubblicitari spazzati via dal vento. In particolare, i Vigili del Fuoco stanno valutando la chiusura del tratto di strada compreso tra Corso Martiri della Libertà e via Ventimiglia, a causa di un semaforo che - per il forte vento- potrebbe cadere da un momento all'altro.

Alberi sono caduti sulla statale 417 tra Catania e Gela. L'Aeroporto di Fontanarossa, invece, non ha cancellato i voli e sono, finora, tutti atterrati.

In via Vagliasindi, una struttura "artistica" di ferro è volata su una mini. A Librino, volati alcuni cartelloni pubblicitari. A Santa Maria di Licodia, alberi a terra e case senza tegole. Il cimitero di Catania è già impraticabile. A San Pietro Clarenza, un palo dell'Enel incurvato sulla strada.

Il forte vento, nella notte, ha addirittura divelto un chiosco, adibito a rivendita di bibite. La struttura è finita lungo i binari della Circumetnea. Danni e disagi in diversi comuni. Sono stati circa 80 tra ieri sera e stamane gli interventi dei vigili del fuoco a Catania e in provincia. I pompieri sono intervenuti, in massima parte, per la caduta di cartelloni pubblicitari e alberi. Non si segnalano danni a persone.

L'allerta meteo diramata ieri sera dalla Protezione civile regionale prevede nubifragi e vento fino a cento chilometri orari sulla Sicilia sudorientale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento