Folla al cimitero per l'omaggio ai defunti, tra fontane a secco e muri pericolanti

Sebbene gli operai della multiservizi abbiano faticato non poco nelle scorse settiamane per dare una veste decorosa al camposanto, le criticità non mancano

Tutto pronto al cimitero di Catania per le celebrazioni di Ognissanti. O quasi. Sebbene gli operai della multiservizi abbiano faticato non poco nelle scorse settiamane per dare una veste decorosa al camposanto, le criticità non mancano. Ed a rilevarle sono gli stessi cittadini, accorsi in massa a curare le lapidi dei propri cari e le cappelle di famiglia.

"Per pulire e mettere l'acqua ai fiori nella zona bassa del cimitero - spiega un signore anziano che accompagna la consorte disabile con la sua auto - dobbiamo fare la spola dalle parti dell'obitorio. Qui le fontane sono praticamente chiuse, esce solo qualche goccia. E' impensabile che proprio per la festa dei morti problemi del genere non siano stati risolti".

Le poche fontanelle funzionanti sono di consegnuenza prese d'assalto, e bisogna perfino fare la coda per riempire secchi e bidoni.

Una pensionata a braccetto con la figlia ci tiene a sottolineare quella che a suo avviso è una ingiustizia della burocrazia. "Lo vede quel muro che rischia di crollare sulle tombe? Sta cadendo a pezzi e fino a ieri c'era un nastro che transennava le scale, perchè sono praticamente inagibili. Ebbene, il comune dice che la manutenzione spetta ai proprietari. Dato che nessuno interviene, aspettiamo solo che venga giù da un momento all'altro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qualcuno lamenta invece la carenza di illuminazione. Diverse fiamme perpetue poste sulle lapidi hanno i fili consumati dal tempo e bisognerebbe intervenire per ripristinare i collegamenti. Per quanto riguarda il fattore pulizia, gli addetti alla manutenzione fanno quello che possono. Ma visto il grande afflusso di gente, i secchi dell'immondizia sono quasi tutti stracolmi fin dal mattino. Nota conclusiva, l'immancabile presenza dei parcheggiatori abusivi, che monopolizzano gli stalli bianchi posti di fronte ai fiorai, nonostante la presenza di diverse pattuglie della polizia municipale in zona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento