Problemi strutturali e di sicurezza nel cimitero di Catania, l'appello di Terranostra

Il luogo della preghiera che in passato è stato teatro anche di aggressioni al personale della Multiservizi. A questo bisogna aggiungere i problemi strutturali del sito con tombe e muri perimetrali gravemente danneggiati

La situazione all’interno del cimitero monumentale di Catania si fa sempre più difficile ogni giorno che passa. L’area nel quartiere di Zia Lisa presenta molti problemi strutturali e di sicurezza che, quotidianamente, sono al centro delle segnalazioni dei cittadini. "L’amministrazione comunale, attraverso sopralluoghi e conferenze dei servizi, ha più volte dimostrato grande sensibilità per il camposanto costellato,ancora oggi, da una serie numerosa di disagi. Rispetto al passato però c'è finalmente, da parte delle istituzioni, la voglia concreta di risanare quella che, per molti catanesi, è solo una enorme ferita aperta". E' quanto precisa in una nota il comitato spontaneo “Terranostra”, attraverso il suo componente Carmelo Sofia, dopo aver ascoltato più volte le testimonianze di parenti ed amici che, durante l’arco dell’intero anno, vengono a ricordare il proprio caro scomparso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il luogo della preghiera che in passato è stato teatro anche di aggressioni al personale della Multiservizi. A questo bisogna aggiungere i problemi strutturali del sito con tombe e muri perimetrali gravemente danneggiati e che rappresentano un serio rischio all’incolumità delle persone. "Per queste ragioni oggi chiediamo al Sindaco Pogliese e all’assessore alle Manutenzioni di proseguire nella direzione che stanno tracciando ed attivare nel camposanto anche un piano di potenziamento dei controlli e un aumento dei custodi nei principali accessi all’area per limitare il rischio di furti di vasi, fiori e di ogni altro tipo di arredo dalle tombe. Un progetto che, più volte rimarcato dallo stesso Carmelo Sofia, potrebbe coinvolgere tutte quelle associazioni no profit di ex carabinieri o ex agenti di polizia. Un segnale preciso delle istituzioni per fare in modo che il cimitero di Catania torni ad essere un sito dedicato alla memoria dei defunti", concludono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Blitz antidroga a San Cristoforo, sequestrati cocaina e 7 mila euro in contanti

  • Il Gruppo Arena lancia l’ultimo modello di Superstore

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, avvocato positivo: scatta protocollo di sicurezza al palazzo di giustizia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento