Cinquanta euro per un voto, tutte le accuse a Riccardo Pellegrino: Tutti i nomi

Sono due i faldoni d'inchiesta aperti dalla Procura distrettuale di Catania: una che contesta il voto di scambio, e per cui sono in corso perquisizioni da parte della Dia, e un'altra che ipotizza la corruzione elettorale

Sono due i faldoni d'inchiesta aperti dalla Procura distrettuale di Catania: una che contesta il voto di scambio, e per cui sono in corso perquisizioni da parte della Dia, e un'altra che ipotizza la corruzione elettorale che è già nella fase della conclusione delle indagini preliminari. Il 'faro' è stato acceso sulla campagna elettorale per le scorse Regionali. L'avviso di conclusione indagine tratta il presunto sostegno dato, con la "consegna di denaro" e il "pagamento di 50 euro a voto", per "ottenere consensi in favore di Riccardo Pellegrino", che era candidato nelle liste di Forza Italia.

I nomi degli indagati

Dodici complessivamente i destinatari dell'avviso di conclusione indagine. Oltre a Pellegrino, Maesano e Susinni, ci sono anche Gesualdo Briganti, Antonino Castorina, Orazio Sebastiano Cutuli, Salvatore Di Benedetto, Antonio Di Benedetto, Ivan Andrea Guarrera, Salvatore Gulisano e Filippo Pellegrino. Dalle indagini della Dia di Catania emergerebbero diversi episodio di corruzione elettorale. In particolare, sostiene la Procura, "Susinni e Maesano avrebbero messo in contatto Riccardo Pellegrino con Giuseppe Panebianco, mantenendo così l'influenza politica del Maesano ad Aci Catena".

Le accuse al consigliere e al padre Filippo

In quest'ambito Filippo e Riccardo Pellegrino avrebbero "consegnato a Panebianco e Guarrera svariate somme di denaro". Tra queste 'dazioni' la Procura ritiene di avere individuato "certamente una somma pari a 3.000 euro, in cambio di un numero imprecisato di voti per l'importo di 50 euro a preferenza", altri "1.000 euro a Cutuli sempre per 50 euro a voto" e " la promessa di 1.300 euro a Castorina, somma corrisposta" dopo le elezioni. Altre due consegne di denaro in cambi voti sono contestate dalla Procura di Catania, la cui somma resta imprecisata.

Claudio Fava: "Mi chiese 100 mila euro di danni, i fatti di oggi dimostrano la sua caratura morale"

Alla scorse regionali in Sicilia il suo nome era nella 'lista degli impresentabili', anche se non per la legge, perché suo fratello Gaetano era stato coinvolto nell'inchiesta antimafia Ippocampo. Ma lui si era definito "presentabile, come ha ribadito la magistratura" che ha archiviato la sua posizione e quindi ci riprovava: "con dignità e coraggio", il 28 febbraio scorso si è candito a "sindaco di Catania, per il bene della mia città e dei miei concittadini". Senza il sostegno del suo partito e con una sua lista civica: 'Catania nel cuore'.

L'amicizia con il figlio del boss Nuccio Mazzei

E Riccardo Pellegrino, che in passato aveva fatto parlare di sé anche per l'amicizia con Carmelo Mazzei, figlio incensurato del boss Nuccio, è adesso indagato per corruzione elettorale proprio per le ultime regionali in Sicilia. La Procura distrettuale di Catania, su indagini della Dia, gli ha fatto notificare un avviso di conclusione delle indagini preliminari con l'accusa di avere dato o promesso soldi, "50 euro per ciascun voto". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le parole del legale di Riccardo Pellegrino

"In merito alle accuse - scrive in una nota l'avvocato Luca Mirone - il mio assistito manifesta serenità e tranquillità, confidando nell'operato della magistratura, in cui ripone assoluta fiducia, che non potrà che confermare la sua estraneità a qualunque condotta di natura penale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento