Cisl, Formazione professionale: lavoratori da mesi attendono lo stipendio

Cisl Catania si rivolge al Governo Regionale: "Non è ammissibile, infatti, che centinaia di lavoratori perdano il posto per far si che i nuovi enti o quelli che hanno carenze d'organico procedano a nuove assunzioni"

Continuano ad attendere lo stipendio da dieci mesi gli oltre duemila lavoratori della formazione professionale di Catania. "La svolta tanto declamata dal presidente Lombardo sulla stampa - dicono Pippo Denaro segretario generale della Cisl Scuola etnea e Maria Raciti responsabile provinciale della Formazione professionale - non risolve i problemi delle migliaia di lavoratori della formazione professionale siciliana e catanese".

"La Cisl ha più volte richiesto al Governo Regionale di aprire un tavolo permanente per affrontare la crisi del settore e con essa i problemi irrisolti dei lavoratori. I lavoratori, infatti, non hanno garanzie sulla gestione degli esuberi e sul loro possibile utilizzo negli enti che hanno la necessità ad assumere. Non è ammissibile, infatti, che centinaia di lavoratori perdano il posto per far si che i nuovi enti o quelli che hanno carenze d'organico procedano a nuove assunzioni".

Per i dirigenti sindacali della Cisl Scuola, "non è accettabile che gli operatori del settore non abbiano ancora percepito le spettanze dovute per il 2011 o, addirittura per il 2010. E ancor oggi il governo deve trovare soluzioni per garantire le retribuzioni dovute ai lavoratori per i primi mesi del 2012, visto che il piano dell'Avviso 20/2011 partirà in piena estate e che non potrà garantire la retribuzione delle mensilità pregresse".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento