Cittadini in sciopero: niente benzina il 5 e il 6 gennaio 2012

Il 5 e il 6 gennaio 2012 i cittadini entrano in sciopero contro i rincari abnormi dei carburanti registrati in Italia. Le associazioni dei consumatori invitano, gli italiani alla guida, a non fare benzina per protesta

Il 5 e il 6 gennaio 2012 arriva lo "sciopero della benzina". Una protesta cittadina contro i rincari abnormi dei carburanti registrati in Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’quanto annunciano le associazioni dei consumatori aderenti a Casper ovvero, Adoc, Codacons, Movimento difesa del cittadino e Unione Nazionale Consumatori che invitano i cittadini per  il 5 e il 6 gennaio ad astenersi dal fare rifornimento di benzina e gasolio, come forma di protesta contro i continui aumenti delle accise decisi dagli ultimi due governi e le speculazioni sui prezzi alla pompa che mantengono alti i listini nonostante il calo del petrolio.

Secondo Francesco Tanasi, segretario del Codacons, poi, “l’abnorme situazione dei carburanti in Italia determina non solo una stangata sul pieno che sfiora i 200 euro annui ad automobilista, ma anche un effetto negativo sui prezzi al dettaglio dei beni trasportati su gomma”.

Un effetto che, continua Tanasi potrà arrivare al +0,3% sul tasso di inflazione, con danni enormi per le tasche delle famiglie italiane”.  Per tale motivo, conclude il segretrario del Codacons “chiederemo ai sindacati, partiti politici, e movimenti sul web di aderire alla protesta e prepareremo anche una denuncia penale in relazione alle speculazioni sui prezzi di benzina e gasolio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: scoperto un nuovo caso

Torna su
CataniaToday è in caricamento