Confisca di beni a Mario Ciancio, interviene anche Cittainsieme

E' stata ribadita la “pericolosità sociale” ed il suo ruolo di primo piano nell’intreccio tra mafia, politica e affari

La Procura della Repubblica di Catania spiega, in una conferenza stampa, le ragioni del provvedimento di sequestro e confisca a Mario Ciancio, denunciandone la “pericolosità sociale” ed il suo ruolo di primo piano nell’intreccio tra mafia, politica e affari nel contesto della nostra città. Nel seguire costantemente gli sviluppi del processo condotto dalla Magistratura catanese, della quale apprezziamo l’impegno e la serietà dell’operato, auspichiamo che questi fatti costituiscano l’inizio per una svolta a Catania, nel campo della informazione, del lavoro, della onestà, della trasparenza politica e amministrativa, della lotta alla mafia, della corruzione dei colletti bianchi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Etna nord, in fiamme il bar Grillo di Piano Provenzana

  • Cronaca

    Tar, finanzieri perquisiscono lo studio del giudice Trebastoni

  • Incidenti stradali

    Lo schianto contro un palo mentre va al lavoro, l'incidente di Misterbianco: la vittima è un 25enne

  • Cronaca

    Guardia medica di Vizzini, la denuncia: "Nessuna aggressione al medico"

I più letti della settimana

  • Incidente in via Palermo, scontro tra scooter e auto: muoiono due ragazzi

  • La proposta in aeroporto: "Mi vuoi sposare?", ma lei rifiuta e scappa

  • Lo schianto contro un palo mentre va al lavoro, l'incidente di Misterbianco: la vittima è un 25enne

  • Luca Cardillo non ce l'ha fatta: tantissimi lo ricordano su Facebook

  • Incidente mortale sulla Catania-Messina: sono tre le vittime

  • Il tragico incidente di via Palermo, le vittime sono due giovani cugini

Torna su
CataniaToday è in caricamento