Confisca di beni a Mario Ciancio, interviene anche Cittainsieme

E' stata ribadita la “pericolosità sociale” ed il suo ruolo di primo piano nell’intreccio tra mafia, politica e affari

La Procura della Repubblica di Catania spiega, in una conferenza stampa, le ragioni del provvedimento di sequestro e confisca a Mario Ciancio, denunciandone la “pericolosità sociale” ed il suo ruolo di primo piano nell’intreccio tra mafia, politica e affari nel contesto della nostra città. Nel seguire costantemente gli sviluppi del processo condotto dalla Magistratura catanese, della quale apprezziamo l’impegno e la serietà dell’operato, auspichiamo che questi fatti costituiscano l’inizio per una svolta a Catania, nel campo della informazione, del lavoro, della onestà, della trasparenza politica e amministrativa, della lotta alla mafia, della corruzione dei colletti bianchi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, auto si schianta contro spartitraffico: 4 morti

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • Operazione dei carabinieri contro capi clan e affiliati dei “Santapaola-Ercolano”: 31 arrestati

  • Reddito di cittadinanza e falsa disoccupazione: indagata la neomelodica Agata Arena

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

  • Operazione "Black Lotus", alla sbarra 31 affiliati del clan Santapaola-Ercolano

Torna su
CataniaToday è in caricamento