Confisca di beni a Mario Ciancio, interviene anche Cittainsieme

E' stata ribadita la “pericolosità sociale” ed il suo ruolo di primo piano nell’intreccio tra mafia, politica e affari

La Procura della Repubblica di Catania spiega, in una conferenza stampa, le ragioni del provvedimento di sequestro e confisca a Mario Ciancio, denunciandone la “pericolosità sociale” ed il suo ruolo di primo piano nell’intreccio tra mafia, politica e affari nel contesto della nostra città. Nel seguire costantemente gli sviluppi del processo condotto dalla Magistratura catanese, della quale apprezziamo l’impegno e la serietà dell’operato, auspichiamo che questi fatti costituiscano l’inizio per una svolta a Catania, nel campo della informazione, del lavoro, della onestà, della trasparenza politica e amministrativa, della lotta alla mafia, della corruzione dei colletti bianchi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Aci Castello, gli schieramenti in campo per le amministrative

  • Cronaca

    Emergenza abitativa, crisi e perdita del lavoro fanno aumentare gli sfratti a Catania

  • Cronaca

    Aggrediscono e rapinano una donna, arrestati due immigrati irregolari

  • Cronaca

    Sciopero al cantiere della metro, Falcone:"Presto riunione con i vertici aziendali"

I più letti della settimana

  • Ritrovata la 14enne di Belpasso scomparsa da ieri pomeriggio

  • Sidra, niente acqua a Catania il 18 marzo: ecco le zone interessate

  • Incidente stradale in viale Vittorio Veneto, donna investita

  • Tir si ribalta in tangenziale, in azione vigili del fuoco ed elisoccorso

  • Lettori: "Hanno aperto la mia macchina per rubarmi il cane"

  • Ruba 200 chili di arance e dichiara false generalità: arrestato

Torna su
CataniaToday è in caricamento