Confisca di beni a Mario Ciancio, interviene anche Cittainsieme

E' stata ribadita la “pericolosità sociale” ed il suo ruolo di primo piano nell’intreccio tra mafia, politica e affari

La Procura della Repubblica di Catania spiega, in una conferenza stampa, le ragioni del provvedimento di sequestro e confisca a Mario Ciancio, denunciandone la “pericolosità sociale” ed il suo ruolo di primo piano nell’intreccio tra mafia, politica e affari nel contesto della nostra città. Nel seguire costantemente gli sviluppi del processo condotto dalla Magistratura catanese, della quale apprezziamo l’impegno e la serietà dell’operato, auspichiamo che questi fatti costituiscano l’inizio per una svolta a Catania, nel campo della informazione, del lavoro, della onestà, della trasparenza politica e amministrativa, della lotta alla mafia, della corruzione dei colletti bianchi.

Potrebbe interessarti

  • Cellulari: alcune funzioni segrete

  • Allergia al nichel: sintomi e cibi da evitare

  • Estate: ogni quanto cambiare lenzuola ed asciugamani

  • Estate: piante da giardino e da terrazzo resistenti al caldo

I più letti della settimana

  • Cellulari: alcune funzioni segrete

  • Droga, ostaggi, pizzo e accordi tra clan: Mazzei sotto scacco

  • Bufera dopo gli insulti dei neomelodici etnei a Falcone e Borsellino, la Rai apre istruttoria

  • Operazione "Hostage", i nomi dei 12 arrestati

  • Arrestato spacciatore: i clienti lo chiamavano “Toretto” da “Fast and Furious”

  • Dentro la classe con gli scooter, due studenti 19enni denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento