Clan Scalisi, arrestato il latitante "Cola tri piedi"

La polizia, con il supporto di Europol e della polizia tedesca l'ha localizzato e tratto in arresto a Biebesheim. Era ricercato dall'11 luglio 2017

La squadra mobile di Catania on il supporto di Europol e della polizia tedesca ha localizzato e tratto in arresto a Biebesheim, nella regione dell’Assia, NIcola Amoroso, conosciuto “Cola tri piedi”,  37enne pregiudicato, destinatario di M.A.E. per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso (clan Scalisi - costituente locale articolazione della famiglia mafiosa Laudani di Catania) con l’aggravante di essere l’associazione armata, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime, estorsione, rapina, ricettazione, reati in materia di armi, danneggiamento seguito da incendio, con l’aggravante di aver commesso il fatto in nome e per conto dell’associazione di tipo mafioso denominata clan Scalisi per agevolarne le attività illecite.

Nicola Amoroso è irreperibile, perché già all’estero, dall' 11 luglio 2017, nell’ambito dell’operazione “Illegal duty”, condotta dalla Squadra Mobile di Catania e dal Commissariato di  di Adrano, in esecuzione di due distinte ordinanze applicative di misure cautelari,  nei confronti di n.39 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, all'interno del clan Scalisi.

L’arresto è il frutto di un proficuo scambio informativo tra la polizia italiana e quella tedesca, e rappresenta il primo risultato del progetto “Eurosearch”, avviato da Europol e dal Servizio Centrale Operativo, finalizzato alla localizzazione e cattura di latitanti mafiosi in ambito europeo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento