Clinica Gibiino, stop alle nascite: Regione revoca l'accreditamento

A renderlo noto è stato l'assessore regionale della Salute Lucia Borsellino. La clinica avrà 10 giorni per presentare eventuali "controdeduzioni". Il provvedimento è stato confermato dal presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta

La Regione Siciliana ha sospeso l'accreditamento delle attività di ricovero neonatale della clinica Gibiino di Catania, dove è nata la piccola Nicole, la bimba di Catania morta dopo il parto.

A renderlo noto è stato l'assessore regionale della Salute Lucia Borsellino. La clinica avrà 10 giorni per presentare eventuali "controdeduzioni", ha fatto sapere l'assessorato. Il provvedimento è stato confermato dal presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta: "Abbiamo deciso di sospendere l'accreditamento per l'attività del reparto interessato. Una misura precauzionale - ha precisato Crocetta - a tutela dei pazienti".

BIANCO: "NON SI PUO' GIOCARE CON LE VITE UMANE"

ASSESSORE BORSELLINO: VERTICE CON DIRETTORI DEGLI OSPEDALI ETNEI

Inoltre, ha aggiunto Crocetta, "stiamo accertando le responsabilità su chi ha detto che non c'erano posti. Una bambina a rischio la si prende sempre", "la piccola doveva essere affidata al pronto soccorso". "Avvertiamo un dolore immenso che condivido con l'assessore alla Salute Borsellino", "rifiutiamo l'idea che la responsabilità sia del sistema e che dunque si tratti di una responsabilità astratta", "pensiamo a responsabilita' multiple", ha aggiunto Crocetta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento