rotate-mobile
Cronaca

Clonavano carte di credito, arrestati due cittadini bulgari dopo perquisizione domiciliare

I due avevano in casa apparecchiature informatiche per carpire i dati delle carte di credito e di debito, 200 carte di credito clonate, alcuni computer portatili e quasi 17.000 euro in contanti. I poliziotti, dopo alcuni indizi di sospetto, li hanno pedinati fino a risalire alla loro abitazione

Arrestati due cittadini bulgari, entrambi di 20 anni, dalla Polizia Postale di Catania a seguito di una perquisizione in casa. I due avevano in casa apparecchiature informatiche per carpire i dati delle carte di credito e di debito, 200 carte di credito clonate, alcuni computer portatili e quasi 17.000 euro in contanti.

Giorni fa erano stati notati nel centro della città da un equipaggio delle volanti della questura e denunciati a piede libero. In seguito la polizia postale aveva avviato un'indagine, ritenendo che i due si trovassero in città per clonare carte di credito. Incrociati i due 20enni a bordo di uno scooter i poliziotti li hanno pedinati fino a risalire alla loro abitazione, dove la successiva perquisizione domiciliare ha permesso di trovare le attrezzature informatiche, le carte clonate e i soldi. Il pubblico ministero ha convalidato gli arresti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clonavano carte di credito, arrestati due cittadini bulgari dopo perquisizione domiciliare

CataniaToday è in caricamento