Clonavano bancomat e rubavano pin, arrestati due bulgari "in trasferta"

I banditi attraverso gli skimmer - di dimensioni tali da poter essere occultati facilemnte- immagazzinavano, all'interno di una memoria, i dati acquisiti dalle carte di pagamento degli ignari utenti. Contestualmente, tramite una microcamera nascosta dotata anche di rilevazione dei suoni, rilevavano il Pin digitato

Agenti del Compartimento Postale e delle Comunicazioni della polizia di Stato di Catania hanno arrestato due bulgari, di 40 e 29 anni, mentre tentavano di applicare, su uno sportello bancomat di un istituto bancario del centro, uno 'skimmer', un'apparecchiatura che permette di carpire dati informatici delle carte di debito o di credito.

I due erano giunti a Catania la scorsa settimana e dopo avere preso alloggio in un hotel avevano avviato una serie di sopralluoghi presso gli sportelli bancomat di questa provincia, pedinati nel frattempo da personale della Polizia.

Gli arrestati erano in possesso di numerose e sofisticate apparecchiature informatiche di ultimissima generazione e anche di diversi cappelli con visiera con i quali gli indagati tentavano di nascondere il viso dalle videoriprese degli istituti di credito.

I banditi attraverso gli skimmer - di dimensioni tali da poter essere occultati in maniera "quasi invisibile" negli sportelli Atm - immagazzinavano, all'interno di una memoria, i dati acquisiti dalle carte di pagamento degli ignari utenti. Contestualmente, tramite una microcamera nascosta dotata anche di rilevazione dei suoni, rilevavano il Pin digitato. I dati così acquisiti consentivano di creare carte clonate in grado di essere utilizzate per prelievi e transazioni illecite all'estero.

La polizia ritiene che gli arrestati possano essersi resi responsabili dell'applicazione di numerosi skimmer in sportelli bancomat in Sicilia, con prelevamenti all'estero per centinaia di migliaia di euro. Sono in corso indagini per identificare eventuali complici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento