Cni-Fsi: "Il Policlinico Vittorio Emanuele di Catania rischia la paralisi"

"Senza nuovo personale il Policlinico Vittorio Emanuele di Catania rischia la paralisi". Lo afferma il segretario regionale del Coordinamento nazionale infermieri (Cni) e delegato regionale della Federazione sindacati indipendenti (Fsi) Calogero Coniglio

“Senza nuovo personale il Policlinico Vittorio Emanuele di Catania rischia la paralisi”. Lo afferma il segretario regionale del Coordinamento nazionale infermieri (Cni) e delegato regionale della Federazione sindacati indipendenti (Fsi) Calogero Coniglio, sottolineando che nell’azienda ospedaliera universitaria “l’unica notizia attesa è lo sblocco del turnover, che significa il superamento del blocco alle assunzioni e il via libera a nuova forza lavoro di infermieri, medici e personale di supporto”.

"I problemi strutturali e del personale sono in quasi tutti i reparti - spiega Coniglio - a cominciare dal Pronto soccorso, dove la confusione regna sovrana. Alla base c'è carenza di personale infermieristico e una cattiva amministrazione delle poche risorse". Coniglio inoltre definisce "grave" la situazione dell'ematologia, ma rilevando "criticità in alcuni reparti come il Pronto Soccorso del Vittorio Emanuele, dove si raggiungono anche 250-300 accessi al giorno, nell'Osservazione breve intensiva (Obi) mancano all'appello 4 infermieri, inoltre grave carenza anche in clinica medica, blocco operatorio, chirurgia generale e d'urgenza".

"Nel presidio ospedaliero del "Santo Bambino" - continua il sindacalista - la carenza pesa sulle due unità operative di ostetricia e ginecologia e in sala operatoria; nel presidio ospedaliero del "Ferrarotto" nei reparti specialistici di cardiochirurgia, cardiologia e l'ematologia. Nel presidio ospedaliero policlinico "Rodolico" sono tre i reparti in cui la situazione è critica: pneumologia, urologia e medicina d'urgenza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In città - conclude - mancano costantemente posti letto di tutte le discipline, e vergognosamente il San Marco non apre.
Adesso chiediamo al Ministro dell'Interno di attivarsi per la reintroduzione delle postazioni di Polizia negli ospedali siciliani e al ministro della Salute la soluzione per colmare la carenza infermieristica della Regione rideterminando le sottodimensionate dotazioni organiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento