I carabinieri lo fermano e nasconde la "coca" in bocca: denunciato

Protagonista dei fatti un imprenditore di Bronte, di anni 42, ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti

I carabinieri di Randazzo hanno denunciato un imprenditore di Bronte, di anni 42, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato fermato per controllo mentre a bordo della propria autovettura percorreva il centro cittadino di Maniace. Prima di fermarsi con la macchina, con un gesto repentino, ha occultato all’interno del cavo orale un involucro. Movimento non sfuggito ai militari che, invitandolo ad aprire la bocca, hanno recuperato la bustina termosaldata contenente 5 grammi di cocaina, opportunamente posti sotto sequestro.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento