menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colletta Alimentare 2015, spesa al supermercato per i più poveri: presente Monsignor Gristina

Solo a Catania tremila vlontari raggruppati fuori e dentro i 235 punti vendita che hanno aderito, in tutta la provincia, alla giornata promossa e organizzata dalla fondazione Banco Alimentare. L'Arcivescovo di Catania non ha mancato l'appuntamento della spesa per chi non ha nulla

Parte la colletta alimentare 2015 che sui social impazza con l'hashtag #colletta15. Centinaia e centinaia le foto postate dall'apertura dei supermercati con le immagini dei volontari con la pettorina gialla. Solo a Catania ce ne sono tremila raggruppati fuori e dentro i 235 punti vendita che hanno aderito, in tutta la provincia, alla giornata promossa e organizzata dalla fondazione Banco Alimentare. Sono 3.001 i volontari e tra loro si è aggiunto anche L'Arcivescovo di Catania, Mons Salvatore Gristina che, come ogni anno, non ha mancato l'appuntamento della spesa per chi non ha nulla o troppo poco da portare a tavola.

"È una sorpresa vedere come tutti ci lasciamo coinvolgere - ha esordito Mons Gristina poco prima di iniziare il suo giro con il carrello all'interno dell'IperSimply della Scogliera di Catania - a significare che la condivisione è un elemento molto importante della nostra identità. Tanti sono i motivi per cui dobbiamo condividere, ci sono motivazioni umanitarie molto belle davanti alle quali non possiamo restare indifferenti, persone che abitano anche lontano da noi ma che sono in mezzo a noi come quelle che soffrono la difficoltà e la crisi di questi periodi. Per questo è importante condividere"

"È bello vedere tanti giovani e tanti ragazzi che si spendono e, accanto a loro, i meno giovani - ha aggiunto Mons. Gristina guardando Pina Indiogene che tanto si impegna per le famiglie più povere del quartiere Cappuccini - che si spendono per il prossimo ma anche per motivare i ragazzi a fare di più"

"Vorrei sottolineare che questa Colletta si svolge a pochi giorni dell'apertura dell'Anno Santo, il Giubileo, l'Anno straordinario della Misericordia voluto da Papa Francesco. Una delle cose che proprio il Papa ci ha proposto è quella di scoprire il significato profondo delle opere di misericordia corporale e spirituali, tra queste ultime c'è quello di dar da mangiare agli affamati e Gesù si identifica con i fratelli e le sorelle che più hanno bisogno. “Avevo fame e mi avete dato da mangiare” ha detto Gesù ma questo potrà essere realizzato quando riusciremo a concretizzarlo nella quotidianità di chi ci sta accanto. È questa la motivazione profonda - ha concluso Mons. Gristina - della condivisione alla quale ciascuno può partecipare, con ciò che il cuore gli suggerisce".

Le possibilità di donare non mancano e oggi per tutto il giorno nelle sette province (Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Siracusa e Ragusa) gestite dal Banco Alimentare della Sicilia onlus 8.180 volontari accoglieranno quanti andranno a fare la spesa nei 741 punti vendita che hanno aderito alla Colletta, anche se il Banco lavora tutto l'anno e ogni giorno è quello utile per “Condividere i bisogni per condividere il senso della vita”.

Si ricorda che fino al 6 dicembre è attivo l'Sms solidale 45502 con il quale è possibile donare da tutti i gestori telefonici, due euro da cellulare e due euro e 50 da rete fissa chiamando da Tim, Infostrada, Fastweb e Tiscali. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

social

Bonus Tv 2021: come richiederlo ed ottenerlo

Sicurezza

Risparmio di acqua ed energia: consigli e sistemi innovativi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento