Colpi di pistola davanti a negozio, Daspo del Questore: per 2 anni lontano da centri commerciali

E' il primo provvedimento del genere adottato in provincia e tra i primi in Italia, emesso dal Questore di Catania Mario Della Cioppa, nei confronti di Riccardo Guarrera, 19 anni, arrestato il 30 ottobre scorso

foto archivio

Per due anni non potrà frequentare esercizi o locali di intrattenimento pubblici, nello specifico centro commerciale della provincia etnea, per la sua pericolosità sociale. E' il provvedimento, il primo Daspo del genere adottato in provincia e tra i primi in Italia, emesso dal Questore di Catania, Mario Della Cioppa, nei confronti di Riccardo Guarrera, 19 anni, arrestato il 30 ottobre scorso dai carabinieri di Giarre per tentato omicidio doloso, lesioni personali e porto abusivo di arma da sparo clandestina in un centro commerciale. La richiesta del provvedimento è stata avanzata dal comando dei carabinieri di Giarre. Il giovane aveva esploso diversi colpi di pistola davanti ad un negozio di telefonia ferendo un uomo che e' ancora ricoverato con la prognosi riservata all'ospedale Cannizzaro di Catania. Secondo il Questore di Catania, "Guarrera ha dimostrato sia in questa occasione che in due episodi precedenti, avvenuti quest'anno e nel 2017, sempre dinanzi esercizi pubblici, un'indole aggressiva ed una spiccata pericolosita' sociale manifestata per futili motivi, in quest'ultimo caso addirittura per l'insofferenza dovuta alla fila davanti il negozio". La nuova normativa sul Daspo prevede che il Questore puo' disporre, per motivi di sicurezza, la misura di prevenzione nei confronti di persone ritenute socialmente pericolose e che siano stati denunciati o arrestati. Per Guerrera il divieto di accesso è esteso a tutti i centri commerciali della provincia dove non potrà neppure stazionare nelle immediate vicinanze per due anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento