Coltellate e colpi di bottiglia a due connazionali, arrestato un cittadino romeno

E’ stato accertato che le persone aggredite erano rispettivamente il compagno ed il fratello di una donna di nazionalità romena, con la quale uno degli aggressori aveva avuto una relazione

Su delega della procura distrettuale della Repubblica di Catania, la polizia di Stato ha dato esecuzione ad ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere, emessa in data 17 aprile 2018 dal gip del Tribunale di Catania, nei confronti di Chemal Ghita (cl.1984), cittadino romeno, ritenuto responsabile dei reati di tentato omicidio aggravato e lesioni personali aggravate ai danni di due cittadini romeni.

La misura cautelare compendia gli esiti di indagini, dirette dalla procura di Catania e condotte dagli investigatori della squadra mobile, sezione Reati contro la persona, dalle quali è emerso che Chemal Gheta, in concorso con George Mustafà (cl.1987) e Francesco Barbera (cl. 1971) già posti in stato di fermo di indiziato di delitto l'8 aprile scorso, la notte di domenica 8 aprile ha aggredito, per futili motivi, due connazionali, colpendoli con un coltello a serramanico e con un coccio di bottiglia.

E’ stato accertato che le persone aggredite erano rispettivamente il compagno ed il fratello di una donna di nazionalità romena, con la quale uno degli aggressori aveva in passato intrattenuto un relazione sentimentale. Espletate le formalità di rito, il predetto è stato associato presso il carcere di Catania, piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento