Botti di Capodanno: come usarli in sicurezza con i consigli degli artificieri

Il nucleo artificieri del comando provinciale dei carabinieri di Catania ha la risposta pronta alle tante domande che riguardano i fuochi pirotecnici

Ogni anno l'utilizzo dei botti, legali o illegali, causa decine di incidenti che si potrebbero evitare, nella maggior parte dei casi, aumentando il grado di consapevolezza da parte dei cittadini che li acquistano in maniera "disinvolta" o ne fanno un uso incauto. Il nucleo artificieri del comando provinciale dei carabinieri di Catania, ha la risposta pronta alle tante domande che riguardano i fuochi pirotecnici.

Quali sono i casi più gravi di incidente?

L'uso incauto dei fuochi d'artificio del genere legale può produrre lesioni gravi, come ustioni al viso e alle mani, e danni alla vista. Gli articoli pirotecnici illegali hanno al loro interno una miscela esplosiva realizzata con clorato o perclorato di potassio, con l’aggiunta di alluminio. La loro deflagrazione non controllata può provocare danni anche peggiori. Si può arrivare anche alla perdita totale di arti, dell’udito e della vista, oltre che ustioni e lesioni varie, anche mortali. In diverse operazioni di sequestro messe in atto dai carabinieri di Catania, l’involucro di questi fuochi illegali è risultato essere di plastica. Questo ne fa aumentare ancor più il pericolo, per la frammentazione di schegge non rilevabili ai raggi x, che ne equiparano gli effetti ad una bomba da guerra.

Quali sono i fuochi più pericolosi?

Un rischio ancora più elevato di incidente si rileva nell'utilizzo di prodotti prevalentemente  prodotti in oriente, venduti a basso costo e senza etichette. Spesso non sono conformi alle norme comunitarie e la loro vendita è illegale. A volte possono dare vita ad un'esplosione anticipata o addirittura lo scoppio della batteria senza far partire un solo colpo. Facile immaginare le conseguenze di un simile incidente. Le iniziative messe in campo in questo periodo dall'Arma dei carabinieri coinvolgono tutto il territorio nazionale ed ovviamente anche la provincia di Catania.

Ci sono dei botti sicuri?

L'unico discrimine tra una condizione di sicurezza e l'utilizzo incauto dei fuochi pirotecnici è legato al grado di consapevolezza di chi li utlizza. Per capirci, non esistono fuochi di artificio "sicuri", anche se ne è permessa la vendita. Perfino le banali "fiaccole" che i bambini usano con disinvoltura, bruciano a 300 gradi e perciò sono potenzialmente in grado di provocare incendi sui tessuti o ustioni. E' necessario quindi non lasciare mai soli i miniori e prestare massima attenzione ai petardi che stiamo maneggiando, leggendo con attenzione le etichette. Non è superfluo dire che i botti illegali non devono essere acquistati o utilizzati. Per alcune tipologie particolarmente pericolose è previsto persino il porto d'armi.

Come si distinguono i fuochi d'artificio legali da quelli illegali?

I giochi pirotecnici autorizzati e in libera vendita devono riportare sulla confezione un'etichetta con il numero del decreto ministeriale che ne autorizza il commercio, il nome del prodotto, la ditta produttrice, la categoria d'appartenenza e le modalità d'uso. Possono essere venduti in tutti i negozi che sono in possesso di licenza per la vendita di giocattoli e possono essere acquistati da tutti, purché almeno quattordicenni. Se l'articolo è privo di etichetta, è sempre da considerarsi proibito e, quindi, non di sicuro utilizzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come usarli in sicurezza?

I fuochi non vanno mai accesi dentro nessun tipo di contenitore, soprattutto se in ferro, perché l’esplosione potrebbe generare la dispersione di schegge che si trasformerebbero in tanti piccoli e pericolosi "proiettili". Mai bagnarli con acqua. Alcuni fuochi contengono alluminio. A contatto con l’acqua potrebbe andare in autocombustione, provocando lo scoppio non voluto. In caso di ustione è consigliabile raffreddare la zona colpita per limitare i danni alla pelle. Quando si trovano fuochi d'artificio che funzionano male e perciò non bruciano, non si deve mai cercare di riaccenderli, ma bisogna allontanarsi dalla zona e segnalare la loro presenza alle forze di polizia. Non cercare di accendere i fuochi trovati per terra: alcuni impiegano fino a 12 ore per bruciare il cartoncino pressato della spoletta. Il movimento del corpo nell’avvicinarsi ad un fuoco inesploso, a causa del piccolo movimento di aria che si crea, può alimentare la fiammella provocando l’esplosione. Non provare a recuperare la miscela esplosiva o esplodente dai fuochi non esplosi e non provare a costruire fuochi d'artificio artigianali: delle semplici cause esterne tipo la pressione, l'urto, lo sfregamento ed il calore potrebbero determinare un'esplosione non controllata, con conseguenze anche gravi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento