Comitato Murri: "Caos in via XXXI Maggio"

Attraverso il suo presidente Vincenzo Parisi si chiede all’amministrazione comunale di intervenire con opere che mirino a garantire la vivibilità del rione

Una viabilità più scorrevole e sicura in via XXXI maggio. Questo è ciò chiede il comitato Romolo Murri che considera la via "strategica per la mobilità cittadina" visto che si trova tra il Corso Indipendenza e il viale Mario Rapisardi.

"I problemi sono all’ordine del giorno - dice il Comitato -. In particolare gli incroci con via Selvosa e via Sapri piombano sistematicamente nel caos durante le ore di punta. Una vera e propria anarchia a cui bisogna aggiungere il mancato rispetto delle precedenze, la segnaletica stradale da potenziare e il parcheggio selvaggio. Qui  gli unici “oggetti” misteriosi sono i pedoni che ancora si avventurano ad attraversare la zona a piedi".

Per queste ragioni il comitato “Romolo Murri”, attraverso il suo presidente Vincenzo Parisi, chiede all’amministrazione comunale di intervenire con opere che mirino a garantire la vivibilità del rione.

"Non bisogna dimenticare che nei pressi di via XXXI Maggio ci sono moltissime scuole ed attività commerciali che attirano pendolari e utenti. La soluzione ideale - prosegue la nota - sarebbe quello di avere in via XXXI maggio i necessari controlli. Vigilanza da assicurare pure la sera quando la strada è sgombra e sono pochi quelli che rispettano i limiti di velocità. E’ una questione di buonsenso da parte dei cittadini e di necessità che l’amministrazione comunale deve assolutamente considerare. Già in passato questa zona era stata al centro delle proteste per via delle micro discariche abusive e delle buche. Oggi a queste emergenze si aggiungono altre problematiche e Palazzo degli Elefanti deve intervenire prima dell’arrivo della stagione invernale carica di piogge".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento